Archivi del mese: novembre 2014

PER IL DOPO EXPO GARANTIRE L’INTERESSE PUBBLICO. OSPEDALE DEL BAMBINO? PARLIAMONE

PER IL DOPO EXPO GARANTIRE L’INTERESSE PUBBLICO. OSPEDALE DEL BAMBINO? PARLIAMONE.  Approvato l’ordine del giorno Pd che invita la Giunta regionale a rendicontare lo stato di attuazione delle opere infrastrutturali alle commissioni consiliari, definire la presenza di Regione Lombardia all’interno di Expo in correlazione alle risorse in bilancio e accelerare sul dopo Expo, valutando il ruolo di Arexpo per la valorizzazione dell’area.  ”Il bando per il dopo Expo è andato deserto – ha detto il consigliere Pd Carlo Borghetti – è fondamentale ora che sia garantita una funzione di pubblica utilità per il riuso dell’area su cui si svolgerà l’Esposizione Universale. Nei mesi scorsi si era parlato di stadio del Milan: mi sembrava una soluzione al ribasso. Più interessante l’ipotesi della nuova sede RAI di Milano. Ma ora la preoccupazione sta nel fatto che non siano arrivate proposte effettive. E questo nonostante il bando contenesse dei criteri positivi, che garantiscono funzioni di pubblica utilità, oltre a una vasta area verde.  “Ora, piuttosto che abbassare il livello delle funzioni di interesse pubblico, è  necessario che sia la stessa Arexpo a garantirle, anche essendo la società stessa ad attuare l’intervento – continua Borghetti – Se l’area dovesse poi essere riutilizzata attraverso interventi plurimi fatti da soggetti diversi, è fondamentale che Arexpo si faccia comunque garante di un intervento unitario”. Conclude infine Borghetti: “L’ipotesi di costruire sulle aree Expo l’Ospedale per il Bambino, come propone l’assessore alla Sanità Mantovani, è certamente interessante: va però chiarito come si inserisce eventualmente nel resto degli interventi, perché stiamo parlando di un’area di un milione di metri quadri, e va definito il disegno complessivo”.  Milano, 25 novembre 2014

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica | Lascia un commento

Revisione del nomenclatore per le protesi e gli ausili per disabili

Il Consiglio regionale ha approvato il 4/11 all’unanimità la mozione Pd per la revisione del nomenclatore tariffario di protesi e ausili per le persone disabili. “Con questo documento – ha dichiarato Carlo Borghetti (PD), primo firmatario della mozione – abbiamo voluto chiedere a Regione Lombardia di farsi portavoce presso il Governo di un accorato appello per la revisione del nomenclatore per le protesi e gli ausili per disabili, non più procrastinabile.
Oggi infatti le protesi e le attrezzature che vengono fornite alle persone con disabilità risalgono a un elenco del 1999 che non è stato mai aggiornato nonostante quanto previsto originariamente. Questo causa la fornitura di ausili che le famiglie non possono utilizzare costringendole a ricorrere a ausili più moderni e appropriati pagandoli di tasca propria. La revisione s’impone dunque per permettere ai cittadini disabili di accedere a dispositivi avanzati e progetti riabilitativi all’avanguardia, ma anche per ottimizzare la spesa del servizio sanitario”.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Lascia un commento