Archivi del mese: giugno 2011

I Consiglieri di Rho in difesa del tribunale

In merito alla decisione della Presidente del Tribunale di Milano, Livia Pomodoro, di accorpare la sede distaccata di Rho, sono intervenuti i Consiglieri regionali rhodensi, Fabrizio Cecchetti della Lega Nord, Arianna Cavicchioli e Carlo Borghetti del Partito Democratico.  “Riteniamo sbagliata e gravida di conseguenze negative – spiegano i consiglieri regionali – la decisione di spostare tutti i procedimenti penali e la quasi totalità di quelli civili dalla sezione distaccata di Rho al Tribunale di Milano. “Il Tribunale di Rho – proseguono i consiglieri – rappresenta una risorsa per i cittadini e non un costo inutile. Inoltre l’alta densità di popolazione della zona costituisce di per sé una valida ragione per evitare accorpamenti inutili che creerebbero soltanto ulteriori problemi.”  “Chiediamo quindi con forza – concludono i rappresentanti regionali – alla Presidenza del Tribunale di Milano, di rivedere la propria decisione e valutare soluzioni alternative che non vadano ad arrecare disagi alla cittadinanza.”

Pubblicato in Legalità | Taggato , | Lascia un commento

Scelte strategiche al Trivulzio, ma la mission rimanga inalterata

Martedì, 28 giugno 2011- Il consigliere del Pd Carlo Borghetti si è detto rassicurato dalla risposta dell’assessore Boscagli alla sua interrogazione sulla gestione del Pio Albergo Trivulzio (PAT), ancora in fase di commissariamento dallo scorso autunno. “Apprendiamo con soddisfazione che il commissario Triaca non farà cambi di organizzazione ma si limiterà a dare suggerimenti – dice Borghetti – . Ci aspettiamo infatti che le scelte strategiche saranno fatte dal nuovo cda che sarà insediato, speriamo a breve, e che avrà membri nominati anche dalla Regione stessa e dal Comune di Milano. Il nuovo cda dovrà tener conto della mission dell’istituto che è quella dell’assistenza agli anziani e dell’erogazione dei servizi sociosanitari”. La sistemazione dei conti non può passare solo attraverso la dismissione del patrimonio, secondo il Pd. Inoltre “L’esternalizzazione di alcuni servizi è un’ipotesi che va valutata attentamente perché potrebbe portare al rischio di uno snaturamento del PAT. In particolare siamo contrari alla esternalizzazione degli ambulatori” conclude Borghetti.

Pubblicato in Sanità e welfare | Lascia un commento

Essere Umani

Ieri al check-point israeliano di Betlemme sono stato palestinese. Oggi a Gerusalemme a Yad Vashem, museo dell’ Olocausto, sono stato ebreo. Stasera atterrerò italiano all’aeroporto di Roma. Domani non resta che essere umani…

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Diario da Gerusalemme – Giorno 2

Venerdì, 24 giugno 2011- Oggi giornata di incontri istituzionali. Scrivo dalla camera della Casa francescana che ci ospita. ‘Stamattina siamo partiti con il Console italiano Pezzotti: “Il mondo arabo è in fermento, ma la Palestina è ferma nella contesa interna tra falchi e moderati. Intanto gli israeliani costruiscono case per sé nei territori palestinesi. Ma tra vent’anni saranno comunque in minoranza, visto i trend demografici dei due popoli. L’Unione Europea manda fondi, ma servirebbe di più una sua mediazione politica, che oggi non c’è”. È solo un assaggio delle mille contraddizioni di questa terra.
Ci dirigiamo verso Ramallah, il fu-regno di Arafat, lì sepolto con tanto di mausoleo. Solo con fatica al check-point ci lasciano passare. Il portavoce del Presidente palestinese Abu Mazen, mentre ci offre tè e caffè, ci spiega che loro puntano al riconoscimento come Stato entro fine anno da parte dell’Assemblea ONU. “Israele ci vessa. Non riusciamo ad avere una nostra economia, non possiamo spostarci: il muro (tipo quello di Berlino), che ci hanno costruito intorno, ha varchi controllati da loro. Gerusalemme non può essere (solo) degli ebrei: ci vivono 270mila arabi, che fanno i lavori più umili”.
Più tardi, dopo la visita al Muro del pianto (che qui va chiamato “muro occidentale”) incontriamo il vice-patriarca latino, mons. Shomali: “Israele deve capire che anche per il suo bene deve trovare un accordo di pace. O nel tempo resterà isolato. Il Premier precedente l’aveva capito”.
Ma nell’incontro successivo la musica cambia. Il prof. Minerbi, che ci riceve alla Sinagoga italiana, in Gerusalemme ovest, racconta che sua figlia è scampata a un missile di Hamas lanciato da Gaza. “Loro (i palestinesi, ndr) puntano a snervarci. Ricevono 600 milioni di dollari l’anno come aiuto, ma non creano un posto di lavoro. Il nostro PIL cresce ogni anno. Sono loro che non vogliono trattare, perchè comunque gli va bene così”.
L’impressione, amara, è che da entrambe le parti le pregiudiziali siano troppo forti per consentire accordi. Forse la soluzione può stare in accordi parziali graduali. Ma vanno fatti in fretta, prima che gli opposti estremismi tornino alla carica. Da una parte e dall’altra.

Pubblicato in Comunicazione, Idee e politica | Taggato | 1 commento

Diario da Gerusalemme: giorno 1

Giovedì, 23 giugno 2011- Giornata lunga (sveglia alle 6, ora è l’una e mezza di notte). I controlli dei voli per Tel Aviv richiedono 3 ore di anticipo in aeroporto. Volo ottimo. Salita in autobus a Gerusalemme, col pensiero a chi un tempo saliva in groppa ai muli. Cena stile… Casa del Pellegrino. E finalmente incontriamo il Custode di Terra Santa, Padre Pizzaballa. Che ci spiazza tre volte: 1) i cristiani (minoranza esigua) non possono fare nulla per il processo di pace: è affare esclusivo israelo-palestinese; 2) i soldati israeliani temono ormai di più le proteste pacifiche dell’intifada: non possono attaccare palestinesi inermi e non sanno come gestirli! 3) islamici ed ebrei temono l’immigrazione… cattolica! Sono sempre più numerosi infatti i filippini e i sudamericani in arrivo: come cambiano le cose cambiando i punti di vista…
Usciamo poi per le vie della città vecchia, illuminatissima e piena di gente. Sorpresa: il Santo Sepolcro è aperto. Entriamo. Incredibile: sono le 23, la Basilica (di giorno gremita) è quasi vuota e siamo di fronte alla tomba (vuota) di Gesù, che si intravvede dietro l’altare argentato. Inginocchiati allunghiamo il braccio e riusciamo a toccare la pietra della cima del Calvario, inglobata nella chiesa. Preti ortodossi profumano l’aria agitando turiboli d’incenso. Altri preti cantano melodie melensi.
Nessuno parla più. Oltre ai flash stanno sicuramente scattando preghiere silenziose. Che si creda o non si creda. A invocare pace: scommettiamo?

Pubblicato in Comunicazione | Taggato | 1 commento

Non si è mai abbastanza maturi!

Mercoledì, 22 giugno 2011- Da Andy Warhol ad Enrico Fermi, da Ungaretti agli anni Settanta: che bello leggere le tracce dei temi di Maturità e tornare con la memoria al passato, al nostro esame più cruciale. Tutti noi abbiamo infatti ricordi molto vividi delle giornate di studio immerse nel contesto socio culturale del tempo. Io ho terminato il liceo nel 1987: era l’anno delle dimissioni di Craxi, dell’alluvione in Valtellina, ma soprattutto del referendum sul nucleare. Un curioso parallelo, che mi rende facile rivivere insieme ai diciottenni e diciannovenni di oggi l’emozione di potersi esprimere tramite il tema sugli argomenti più attuali. Una riflessione merita anche il tema di argomento politico: “Destra e sinistra non sono parole morte e fa piacere vederle in un tema d’esame – ha detto il giornalista Michele Serra, entusiasta del fatto che c’è un rinnovato interesse per la politica – . C’è da chiedersi se sarebbe andata così se non ci fossero stati di recente il referendum e le elezioni amministrative”.

Pubblicato in Cultura e sport, Idee e politica | Taggato | Lascia un commento

Consiglieri regionali in tour sul territorio: idee in movimento

Sabato, 18 maggo 2011- ll gruppo consigliare regionale del Pd prosegue nel suo giro per le Province lombarde e proprio ieri sera sono stato ad un incontro con gli amministratori della città e dei Comuni della provincia di Brescia, insieme ai colleghi Gaffuri, Ferrari e Girelli. Sappiamo bene come davvero il vento sia cambiato dopo le ultime elezioni amministrative e il referendum, e i segnali di questo mutamento sono stati colti in particolare dai sindaci neoeletti, che più di altri vivono questo momento con grande speranza e soprattutto con ampie aspettative rispetto all’azione che il gruppo del Partito Democratico può compiere in Regione a sostegno degli enti locali. Gli amministratori di lungo corso, invece, si sono mostrati preoccupati per la politica di questo Governo e della nostra Regione, caratterizzata nel corso degli anni da una sempre maggiore distanza dalle comunità locali, e non si tratta solo degli ingenti tagli alle risorse ma anche di mancanza di sensibilità che ha mortificato lo spirito di collaborazione comune. A dispetto dei grandi proclami su federalismo e autonomie locali, il centrodestra appare lontano e incapace di dare risposte concrete a problemi sempre più complessi. Per fare un esempio, le politiche sociali: ovunque gli amministratori lanciano un grido di dolore, chiedendo alla Regione di venire loro incontro. Da parte nostra, abbiamo mostrato loro l’ultima proposta di legge targata Pd a sostegno della non autosufficienza (consistente nella creazione di un fondo regionale da far convergere nell’assistenza ad anziani e disabili, in coordinamento con i Distretti Socio-sanitari e i Piani di zona comunali). Molti altri i temi trattati nella serata, insieme all’auspicio di mantenere stretto il legame tra il territorio e i consiglieri regionali. Oggi il giro continua, e si parlerà di navigazione lacustre e di legalità: avremo spunti da ascoltare ma anche molto da raccontare, partendo dalla legge contro la criminalità da noi promossa e approvata in Consiglio.

Pubblicato in Blog Dem, Comunicazione, Territorio | Lascia un commento

Hai la natura in testa? Parliamo di parchi

Mercoledì, 15 giugno 2011- Domani 16 giugno alle ore 17 tutti connessi alla rete per seguire in diretta “Parchi lombardi per la valorizzazione dell’ambiente”. Il gruppo regionale del Pd e i circoli sul web parleranno della legge sui parchi ma soprattutto ascolteranno e risponderanno alle domande dei navigatori. Connettiti al sito www.blogdem.it domani giovedì 16 alle 17, le tematiche di cui parleremo interessano proprio tutti.

 

 

 

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem | Taggato | Lascia un commento

L’Italia del battiquorum

Lunedì, 13 giugno 2011- Più che la vittoria dei sì, è stata la vittoria della partecipazione (come dimenticare Giorgio Gaber? La libertà è davvero partecipazione). Il 57 per cento degli italiani tra domenica e lunedì ha pensato che sì, era il caso di andare a votare, di chiudere tutto il proprio pensiero in quattro schede colorate e imbucarle fiduciosamente nelle urne, attendendo con ansia il verdetto dei dati. Molto di quello che noi siamo è chiuso in quel numero, in quel 57 per cento di volti e storie che ha voluto dire no al nucleare, no al legittimo impedimento e no alla privatizzazione del nostro bene più prezioso, e l’ha voluto fare civilmente, con il mezzo che più è in grado di renderci cittadini attivi: il voto. Oggi sono semplicemente orgoglioso di essere italiano!

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato | Lascia un commento

Io ho votato, e tu?

Tutti a votare 4 sì!

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento