Nerviano Medical Sciences, un patrimonio da non disperdere

Un centro di ricerca d'eccellenza

Mercoledì, 9 febbraio 2011- Un patrimonio di conoscenza da non disperdere, quello acquisito in molti anni di lavoro dalla Nerviano Medical Sciences, ma che ora rischia di risentire fortemente della riduzione del personale dovuta al taglio dei fondi nonostante l’acquisizione da parte della Regione delle quote prima detenute dalla principale azionista di Nms, la Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione. “All’epoca dei fatti, cioè verso la fine di dicembre, avevo definito il provvedimento come “lungimirante” – ha affermato il consigliere regionale del Pd Carlo Borghetti – in quanto la decisione avrebbe consentito la valorizzazione di un importante polo di ricerca oncologica e, contemporaneamente, il salvataggio di ben 600 posti di lavoro. Eppure, c’è la possibilità concreta che molti giovani talenti, assunti a termine, non vedano il proprio contratto rinnovato. Non si tratta di licenziamenti, è vero, ma il mancato rinnovo di un contratto resta sempre un fallimento per una società che vuole essere flessibile ma non riesce a garantire un futuro alla ricerca e alle nuove generazioni. Per questo, chiediamo alla Regione di mantenere un alto livello di attenzione sulla questione Nerviano Medical Sciences: sarebbe anche un bel segnale di stima verso un territorio che dà molto alla Lombardia, l’Altomilanese”.

Articolo scritto in Economia e lavoro, Idee e politica, Sanità e welfare, Territorio e con i tag , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>