Archivi tag: lavoro

9/10 Dal turismo nuove opportunità per la crescita e il lavoro

Il PD bresciano contianua il suo fitto calendario di appuntamenti. Il prossimo si terrà a al centro Congressi Villa Alba di Gardone Riviera il 3 ottobre e sarà dedicato al tema turismo come opportunità di crescita e di lavoro. Saranno presenti i parlamentari Alfredo Bazoli, Marina Berlinghieri, Miriam Cominelli, Guido Galperti e Vinicio Peluppo, oltre a numerosi attori del sistema turistico lombardo.

20141003_gardoneriviera

 

Pubblicato in Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

L’Europa sei tu! – La famiglia

EUROPA_WEB_famiglia

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , , | Lascia un commento

L’Europa sei tu! – Il Lavoro

EUROPA_WEB_lavoro

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , , | Lascia un commento

23 marzo 2014: Prima Edizione della Leonessa2014

leonessa2014_1Nell’arco della mattinata su 13 tavoli tematici guidati da autorevoli relatori, i partecipanti hanno contribuito a elaborare delle proposte sul tema del lavoro.
Le proposte sono state raccolte in un documento che nelle prossime settimane i referenti dell’associazione consegneranno personalmente a Roma ad un rappresentante del Governo italiano.
Inoltre, nel pomeriggio abbiamo provato, seguendo un Format tra lo spettacolo e la politica, a “mettere in scena” un nuovo modo di fare
politica dove il protagonismo del cittadino comune è essenziale nell’elaborazione delle scelte concrete. L’ascolto delle istanze che vengono dalla comunità cercano di annullare quel gap che si è creato e inasprito negli ultimi anni.
Dall’entusiasmo, dalle energie e dagli stimoli che ci sono giunti crediamo di esserci riusciti.
Cambiare si può, facciamolo insieme.
Claudio Lamberti
Presidente Associazione Brescia Cambia Verso e tutto lo staff

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro | Taggato , , | Lascia un commento

Jobs Act Verso un nuovo “Codice del Lavoro”: 4 incontri a Brescia

logo_pdpes

Il dipartimento Lavoro della Segreteria Provinciale con
i circoli territoriali di
Bagnolo Mella, Gardone Val Trompia, Lonato del Garda e Rovato
organizza quattro serate dal tema:

Jobs Act: Verso un nuovo “Codice del Lavoro”

Ne parliamo con il resp. Lavoro della Segreteria Provinciale Massimo Reboldi:

Venerdì 21 Marzo ore 20:45
Bagnolo Mella
presso Trattoria Arcobaleno, Via Circonvallazione

Lunedì 31 Marzo ore 20:45
Rovato
presso sede PD, piazza Palestro 18

Martedì 1 Aprile ore 20:45
Lonato del Garda
presso sede PD , via Leale 7

Martedì 8 Aprile ore 20:45
Gardone Val Trompia
presso Biblioteca comunale, via XX Settembre 21

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro | Taggato , , , | Lascia un commento

IL FUTURO DI UN PAESE CHE NON HA UN PRESENTE

L’intervento che vorrei fare è quello che parla di una popolazione giovanile che oggi è di circa 1,2 miliardi, il più grande gruppo di giovani che il mondo abbia mai visto.
Vorrei dire che, dopo essere stati in prima linea nel cambiamento politico e sociale, dalle strade del mondo arabo all’occupazione di Wall Street, ora siamo dei protagonisti: nel mondo del lavoro come quello della politica, vorrei dire che siamo protagonisti nel nostro paese e PER il nostro paese.
Mi ritrovo a dover ripetere quello che tutti già sapete,che i giovani oggi hanno, rispetto al passato, quasi tre volte più probabilità di essere disoccupati da adulti e purtroppo non solo questo.
In Italia la famosa Legge 30 del 2003 doveva nelle intenzioni “realizzare un sistema efficace e coerente di strumenti intesi a garantire trasparenza ed efficienza al mercato del lavoro e a migliorare le capacità di inserimento professionale dei disoccupati e di quanti sono in cerca di una prima occupazione, con particolare riguardo alle donne e ai giovani”.
I risultati della legge sono stati ben altri: mai come in questi anni si è
acuito il numero di lavoratori precari, legati alle aziende da svariate e fantasiose tipologie contrattuali. Quelle che sulla carta si presentano come semplici “collaborazioni”, in realtà celano veri e propri lavori sottopagati e subordinati (cioè con orari, postazioni, e il monitoraggio continuo dei superiori).
Per porre rimedio il Governo italiano ha sinora previsto:
- taglio dei contributi del 30% per chi assume apprendisti, possibilità di sotto-inquadramento, e vantaggi normativi;
- sgravi fiscali dell’Irap per le imprese che assumono giovani sotto i 35 anni a tempo indeterminato;
- imposta sostitutiva sui redditi e sulle addizionali regionali e comunali Irpef pari al 5% nell’anno di costituzione e nei quattro seguenti per le persone fisiche che stanno per avviare un’impresa oppure che hanno avviato un’attività successivamente al 31 dicembre 2007;
- incentivi per la costituzione di Srl, i cui titolari non hanno più di 35 anni; il capitale sociale è fissato a un euro, ed è prevista l’esenzione da diritti di bollo e segreteria, assistenza notarile gratuita. Continua a leggere

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

2° Conferenza Provinciale sul Lavoro a Brescia

Sabato 9 giugno a Brescia si terrà la seconda conferenza provinciale sul Lavoro presso la sede del Pd in via Risorgimento a Brescia dalle 9.30 alle 13.00.
A presiedere l’assemblea sarà Massimo Reboldi resposabile del dipartimento sul “Precariato”.
Introdurrà il tema Paolo Pagani responsabile dipartimento “Lavoro” e concluderà l’assemblea Emilio Gabaglio Presidente Nazionale Forum Lavoro del Pd.
La Conferenza è aperta a tutti gli iscritti e elettori del PD. Ogni Circolo deve nominare un DELEGATO ogni 25 iscritti o frazione, che hanno il diritto di voto sul documento-base (allegato). Proposte, integrazioni, modifiche al documento vanno inviate entro il 2 giugno.
Alla Conferenza sono state invitate tutte le forze sociali.
La Conferenza deve eleggere i delegati alla Conferenza Regionale fissata per lunedì 11 giugno a Milano – ore 18.30, presso Palazzo Pirelli.
Qui potete scaricare il documento della seconda assemblea nazionale sul lavoro di Napoli.

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento

Marchionne faccia di bronzo

A Pomigliano la FIAT sta procedendo alla riassunzione dei lavoratori nella nuova società. Marchionne ha dichiarato “Assumiamo la gente sulla base della capacità, non controllo se hanno la tessera”.
Nella vecchia fabbrica la FIOM aveva 800 iscritti su 5.000 dipendenti. Nella nuova Pomigliano sono stati riassunti 2.085 dipendenti. Nessuno è iscritto alla FIOM. Quattro sono ex-iscritti. O Marchionne mente sapendo di mentire o c’è una sorta di affinità elettiva tra iscrizione alla FIOM e dequalificazione.
Non è difficile intravedere dove sta la verità.
Non è accettabile. Sono in gioco i fondamenti di una società libera. Servirebbe un moto di sdegno. Il PD deve fare di tutto perché la questione diventi un “caso nazionale”. Essa ha a che fare con i nostri valori non negoziabili.
Vale sempre la lezione del pastore Martin Niemoller (erroneamente attribuita a Bertold Brecht): “Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omossessuali e fui sollevato perché non erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare”.

Paolo Pagani
Segreteria Provinciale PD

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , , | Lascia un commento

Sacconi-Marchionne. Un’intesa contro l’Italia.

La sequenza è eloquente. Il 28 giugno Sindacati e Confindustria firmano un accordo unitario, positivo, sulla rappresentanza e la contrattazione che mette in sicurezza il contratto nazionale di primo livello e valorizza il secondo livello, aziendale e territoriale. Un passo avanti nella tutela dei diritti dei lavoratori e nella esigibilità degli accordi.
Marchionne, in tempo reale, prende le distanze e chiede una legge che “salvi” i “suoi” accordi separati.
Il governo, Sacconi in testa (che sarebbe il ministro del lavoro), lo accontenta, nella manovra di agosto-settembre, con l’art. 8.
Il 21 settembre Sindacati e Confindustria firmano un lodo, a conferma dell’accordo del 28 giugno, che ribadisce “l’autonoma determinazione delle parti sociali in tutte le scelte relative alle relazioni industriali e alla contrattazione”. Dopo poche settimane FIAT esce da Confindustria, rea di aver sottoscritto accordi “che limitano fortemente la flessibilità gestionale”.
Sacconi esulta, invece di dire alto e forte, in nome del popolo italiano, che FIAT non può guardare al suo esclusivo interesse, ma all’interesse anche dell’Italia, verso la quale qualche debito ce l’ha.
Anche perché il piano industriale FIAT continua ad essere un’araba fenice, l’uscita dei nuovi modelli latita e la produzione cala. Confermate solo le chiusure di stabilimenti e la Cassa Integrazione. Come nuova era “dopo Cristo” non è proprio magnifica e progressiva.
L’intesa governo-Marchionne è a perdere, per l’Italia.
Mai si è visto un governo che asseconda il divorzio di un grande gruppo industriale dal proprio paese e, per di più, favorendo un processo di divisione delle forze sociali.
Ho insistito su questa vicenda “triste” perché è paradigmatica della parabola del populismo Continua a leggere

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , | Lascia un commento

Pd: «Manovra da politicanti senza futuro»

«La differenza fra statisti e politicanti è che i primi pensano alle generazioni future, i secondi alla prossima campagna elettorale». Lo diceva De Gasperi in tempi non sospetti, lo ripete il Pd bresciano, per voce di Paolo Pagani, nel censurare la manovra economica varata dal Governo e proporre una serie di incontri con alcune contro-proposte di opposizione.
«VOGLIAMO stare in mezzo alla gente, far capire che questa manovra non è sufficiente e non risolverà i problemi del Paese, che è necessario far partire una stagione di riforme vere e strutturali per lo Stato», afferma il segretario provinciale del Pd, Pietro Bisinella. Uscire, insomma, dalla «logica gattopardesca cui gli italiani sono stati abituati da troppo tempo», abbandonando demagogia e populismo a favore di ricette concrete: su questo crinale sono stati pensati gli incontri che inizieranno il 19 settembre alle 18 nella sala polifunzionale di Cedegolo, in valle Camonica, per parlare di manovra economica e sviluppo del Paese con Enrico Letta, vice segretario nazionale Pd, e Alberto Bombassei, vice presidente nazionale di Confindustria, con la partecipazione di molti sindaci e amministratori locali. «Stare sul territorio vicino alla gente significa dimostrare che può esserci un’alternativa a questa manovra iniqua – dice il coordinatore Pd di Valcamonica, Pierangelo Milesi -. Gettare lo sguardo oltre significa anche comunicare un’iniezione di fiducia, perché un’Italia migliore è possibile».
GLI APPUNTAMENTI proseguiranno a Brescia città con una serie di temi caldi su cui si Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento