Archivi tag: integrazione

Corso di formazione storico-politica rivolto ai ” nuovi cittadini…e non solo”

Il Forum Immigrazione provinciale del PD, grazie alle numerose iniziative svolte sia in città che in provincia, ha costruito una rete di rapporti e relazioni significative con associazioni e diverse comunità di immigrati. Nell’ambito dei vari incontri, raccogliendo i bisogni e le istanze emerse, è maturata l’idea di organizzare un corso di formazione storico-politica rivolto ai ” nuovi cittadini…e non solo” che si svolgerà presso la sede del PD Provinciale, Via Risorgimento – Brescia a partire da sabato 27 ottobre dalle ore 15 alle ore 17.
La formazione, le occasioni di crescita culturale, la conoscenza del paese in cui si vive e il confronto di esperienze diverse sono ingredienti fondamentali per costruire comunità coese in società sempre più plurali e per favorire una piena e consapevole partecipazione alla vita politica e sociale.
Essendo una prima esperienza, si è deciso di iniziare con un gruppo formato da 25, max 30 iscritti, motivati alla partecipazione alla vita Continua a leggere

Pubblicato in Cultura e sport, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

“L’ITALIA SONO ANCH’IO”: si conclude la raccolta delle firme e si apre la speranza nella buona politica.

La campagna “L’Italia sono anch’io” si avvia alla sua naturale conclusione. Si chiudono i termini per la raccolta firme (fine febbraio)e ci si avvia al deposito finale.
L’impegno tuttavia prosegue, in un’opera di sensibilizzazione costante sulle due proposte di legge di iniziativa popolare che da un lato assegnano allo ius soli, cioè al diritto di essere cittadini di questo paese partendo dal luogo nel quale si nasce e non dalla discendenza di sangue, un ruolo di primario rilievo e dall’altro puntano al riconoscimento del diritto di voto amministrativo per tutti coloro che risiedono regolarmente in Italia da almeno 5 anni.
Una campagna convintamente sostenuta dal nostro partito ( Bersani è stato tra i primi firmatari) e autorevolmente rinforzata dal nostro Presidente della Repubblica Napolitano che, in numerose dichiarazioni, ha esplicitamente sollecitato il Parlamento a un impegno serio e improrogabile per avviare l’iter legislativo al fine di riconoscere la cittadinanza ai bambini nati in Italia.
Numerose le iniziative legislative, anche bipartisan (Sarubbi-Galan), depositate su temi analoghi in Parlamento, ma la novità e il valore aggiunto di questa campagna sta nel fatto che nasce dalla base, da numerosissime associazioni con un forte coinvolgimento popolare.
Gli obiettivi del Comitato, presieduto a livello nazionale dal sindaco di Reggio Emilia, Graziano Del Rio, sono efficacemente sintetizzati nelle dichiarazioni rilasciate in un’intervista da Filippo Miraglia (ARCI): “L’intenzione – dice Miraglia – è stata quella di far uscire il tema dell’immigrazione dall’angustia dell’ordine pubblico e dalla disputa ideologica, per spostare invece l’attenzione sui problemi di vita quotidiana di un numero ben maggiore di persone, è cioè dei quasi 5 milioni di immigrati che vivono e lavorano in questo Paese. La scelta dell’ARCI e delle altre 19 associazione che compongono il Comitato de L’Italia sono anch’io Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

A Castegnato l´integrazione fa rima con partecipazione

A Castegnato l´integrazione è sempre più di casa. L´ultima iniziativa è la costituzione del comitato per sostenere il progetto nazionale “L´Italia sono anch´io”, che si propone di raccogliere le firme su due proposte di legge, una per il diritto di voto amministrativo agli stranieri regolarmente residenti in Italia da almeno cinque anni e l´altra per riconoscere la cittadinanza italiana a tutti i nati nel nostro Paese.
«Sono iniziative di civiltà e per questo l´Amministrazione è direttamente impegnata a promuovere incontri di approfondimento propedeutici anche alla raccolta di firme sulle proposte di legge di iniziativa popolare che terminerà a febbraio», commenta il sindaco Giuseppe Orizio che con l´assessore all´Immigrazione Eugenia Grechi ha convocato in Comune gruppi ed associazioni per dar vita ad un comitato locale. «Le prime adesioni ci sono già – continua il primo cittadino -. Oltre al Comune, l´associazione Multietnica, il gruppo famiglie Dipingi la Pace, la sezione del Pd, i fanti, la Pace sul Monte, l´Anpi e lo Spi Cgil. Contatteremo ancora gli altri gruppi ed in particolare i gruppi parrocchiali».
Una prima iniziativa per presentare le due proposte di legge e dibattere sui diritti di cittadinanza e di voto, è comunque già programmata la sera del prossimo 1 dicembre nella sala conferenze del Centro civico di Castegnato, con la presenza di Gisella Bottoli di Libertà & Giustizia di Brescia, componente il comitato promotore provinciale.
E tra le tante realtà che hanno aderito al progetto, in particolare, l´associazione Multietnica si sta confermando un punto di riferimento per i tanti stranieri che vivono a Castegnato. Il sodalizio, che rappresenta la cinquantina di etnie con circa mille residenti in paese ed è operativa dal 2004 collaborando attivamente con l´Amministrazione comunale, Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento

Intervista a Pietro Bisinella (PD): “Immigrazione? Un’opportunità”

La manovra correttiva sembra non piacere a nessuno e manco a dirlo si dirige dritta dritta su chi di problemi ne ha già tanti. Ne abbiamo parlato con Pietro Bisinella, segretario provinciale del Pd Brescia e sindaco di Leno: “Questa manovra presenta elementi evidenti di criticità, è una manovra classista (l’aggiunta dei ticket ne è esempio emblematico), non risolve i problemi di questo Paese, si dilata nel tempo e colpisce tra l’altro anche gli enti locali. Bisogna capire che gli enti locali sono i veri erogatori dei servizi: se si continuano a tagliare e a ridurre i trasferimenti dallo Stato significa che i soldi pagati dai cittadini a livello territoriale restano a Roma, e le municipalità non sono più in grado di offrire i servizi che hanno sempre offerto”. Il tutto in un panorama già teso, anzi tesissimo, in cui le tensioni sociali potrebbero presto sfociare in un movimento sul modello degli indignados spagnoli: “Questo Paese ha bisogno di risposte, dopo anni e anni di slogan e di proclami assolutamente inevasi abbiamo bisogno di risposte vere, risposte concrete”.
Da questo punto vista la buona gestione dei fenomeni migratori può diventare un punto di forza per un Paese come l’Italia che ha accumulato un ritardo storico sia nei flussi di migrazione che nelle modalità di interpretazione di tali flussi. “La parola magica è gestione – continua Bisinella – le questioni vanno gestite. La qualità di un’amministrazione si misura in base a come è in grado di gestire ogni tipo di questione. Brescia è una città che ha storicamente offerto lavoro e accoglienza, purtroppo negli ultimi anni con questa giunta il trend si è capovolto negativamente, non sono stati risolti i problemi!”. Brescia mantiene saldo il record di percentuale di immigrati: “E’ vero che avere il 17,5% di popolazione immigrata sul territorio può creare dei problemi, di convivenza, nella vita e nella quotidianità, ma bisogna capire che l’immigrazione deve diventare un’opportunità per il nostro Paese. Più ci chiudiamo, più ci isoliamo e più non capiamo che la strada da intraprendere per costruire il futuro è questa, dobbiamo imparare a confrontarci con i vari costumi, le tradizioni e ogni modalità, senza dimenticare le … Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Integrazione: l’iniziativa del Circolo PD di Pompiano.

1) L’immigrazione, la sicurezza e l’integrazione sono temi scottanti dei nostri tempi: com’è la situazione nel tuo paese Pompiano?
Parliamo di un paese con meno di 4 mila abitanti, stranieri compresi. Due anni fa Pompiano è stato protagonista di un fatto che ha dell’incredibile, un fatto che ha denotato un certo razzismo, stupidità e codardia da parte del sindaco del paese. Davanti ad un papà marocchino che chiedeva sepoltura per il proprio bambino morto poco dopo la nascita, il sindaco ha risposto che il cimitero è un posto in cui si seppelliscono solo i cristiani. In realtà il cimitero è di proprietà comunale, quindi non ha niente a che vedere con la religione che si professa. Nonostante la risonanza mediatica dell’evento, chi avrebbe dovuto stigmatizzare, almeno con una preghiera, è rimasto in completo silenzio.

Popolazione straniera residente nel mese di Aprile a Pompiano
Albanese: 44, Algerina 3, Brasiliana 1, Britannica 1, Bulgara 4, Burkina Faso 4, Cinese 36, Cubana 3, Egiziana 17, Ghanese 8, Indiana 98, Marocchina 201, Pakistana 43, Polacca 2, Ivoriana 6, Malese 7, Rumena 17, Russa 3, Senegalese 32, Serba 28, Tunisina 16, Ucraina 12, Ruandese 1, Moldava 7, Kosovara 42, Colombiana 6, Equadoregna 1, Thailandese 1, Nigeriana 1. Totale 649. Su popolazione 16,54.

2) Come nasce l’idea dell’Associazione Baobab?
A furia di continuare ad incontrare stranieri, inizio a dialogare con loro e mi capita spesso di spiegare cosa fu la mia esperienza all’Anolf, l’ufficio della Cisl che si occupa  dell’immigrazione e dell’integrazione. Le mie chiacchierate con gli stranieri mi hanno portato ad invitarli a socializzare tra loro. Un anno fa però sono stato avvicinato da un senegalese che mi ha chiesto se ero disposto ad aiutarlo a costruire un’associazione. Con un po’ di pazienza abbiamo costruito un gruppo sempre più numeroso fino ad arrivare ad un’assemblea pubblica con la presenza di un’ottantina di stranieri di varie nazionalità (Senegal, Mali, Marocco, Nigeria, India).

3) Quali sono le idee e i valori fondanti di questa associazione?
Durante la prima assemblea si è approvato lo statuto che sintetizzerei in un’idea di socializzazione multiculturale con a base i principi di solidarietà e uguaglianza. La Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , | Lascia un commento

I giovani Pd festeggiano con i «nuovi italiani»

I giovani del Pd hanno proposto ieri una festa della Repubblica con i nuovi italiani, «in particolare i migranti di seconde generazioni dai quali possiamo imparare i modi per una vera integrazione», ha spiegato Giulia Zambolin, segretaria cittadina del gruppo, che per mesi ha lavorato all’appuntamento, prendendo contatti con i rappresentanti delle associazioni di migranti. Le fa eco Giovanna Benini, responsabile provinciale del gruppo immigrazione del Pd: «Vogliamo dare visibilità a persone che da anni lavorano per l’Italia, al fine di praticare nella quotidianità il principio della convivenza. Non c’è giorno migliore di questo, perché la nostra Costituzione indica chiaramente la via per l’integrazione: chi ci amministra ha il dovere di mettere in atto la Costituzione creando coesione sociale». La festa si è tenuta a Santa Maria in Silva, dove – grazie anche a don Fabio Corazzina – la convivenza è di casa: i frequentatori quotidiani sono ragazzini di origine non italiana, che anche ieri affollavano i biliardini e i campi da gioco senza essere arrivati appositamente per la festa, alla quale don Fabio ha dato «solo ospitalità, come nella natura della mia parrocchia, aperta a tutti perché nell’accoglienza emerge ciò che siamo».
PAOLA YE, 17 ANNI, nata a Brescia ma di origine cinese, sta giocando a carte con alcuni suoi coetanei, pure di origine cinese, e non entra nel salone dove si tiene la festa, della quale non sa nulla: «Non so cosa sia il 2 giugno, sono qui solo perché ci sono i miei amici». Amici quasi tutti cinesi, peraltro. Paola rappresenta bene le caratteristiche della comunità cinese, notoriamente meno aperta di altre. Quella marocchina invece «vuole condividere la storia italiana – spiega Asma Aitallali, laureata in economia all’università di Brescia, città dove Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Sanatoria ed espulsioni: «Ora che fa il prefetto?»

Sei partiti del centrosinistra all’attacco: «Queste persone vogliono una cosa soltanto: poter lavorare»
«Che posizione intende prendere il prefetto dopo l’espressione del Consiglio di Stato?»: una domanda senza giri di parole, che proviene da sei partiti del centrosinistra, i quali si rivolgono alla Prefettura dopo aver appreso la decisione della massima autorità della giustizia amministrativa nella complicata questione dei permessi di soggiorno legati alla sanatoria colf e badanti del 2009.
Partito Democratico, Comunisti Italiani, Rifondazione Comunista, Sinistra Ecologia e Libertà, Partito Socialista e Italia dei Valori hanno tenuto ieri una conferenza stampa unitaria, dopo che venerdì erano state diffuse le decisioni della riunione plenaria del Consiglio di Stato di lunedì 21 febbraio.
LA QUESTIONE riguardava nello specifico chi, dopo aver fatto domanda di regolarizzazione, era stato trovato senza documenti e non aveva ottemperato all’ordine di espulsione: secondo la circolare Manganelli, uscita cinque mesi dopo la sanatoria colf e badanti, un tale provvedimento di espulsione era ostativo all’accettazione della domanda. Ma il Consiglio di Stato ha dato un’interpretazione diversa: senza prendere definitivamente Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Forum regionale immigrazione (video 5)

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

Forum regionale immigrazione (video 4)

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

Forum regionale immigrazione (video 3)

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento