Archivi tag: governo

Jobs Act Verso un nuovo “Codice del Lavoro”: 4 incontri a Brescia

logo_pdpes

Il dipartimento Lavoro della Segreteria Provinciale con
i circoli territoriali di
Bagnolo Mella, Gardone Val Trompia, Lonato del Garda e Rovato
organizza quattro serate dal tema:

Jobs Act: Verso un nuovo “Codice del Lavoro”

Ne parliamo con il resp. Lavoro della Segreteria Provinciale Massimo Reboldi:

Venerdì 21 Marzo ore 20:45
Bagnolo Mella
presso Trattoria Arcobaleno, Via Circonvallazione

Lunedì 31 Marzo ore 20:45
Rovato
presso sede PD, piazza Palestro 18

Martedì 1 Aprile ore 20:45
Lonato del Garda
presso sede PD , via Leale 7

Martedì 8 Aprile ore 20:45
Gardone Val Trompia
presso Biblioteca comunale, via XX Settembre 21

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro | Taggato , , , | Lascia un commento

Una realtà che nasce ha bisogno di speranza e di futuro…

In  questi  giorni in  cui  stiamo  aspettando  che  la  realtà  si  componga,  che  si  faccia  un governo,  che  si  possa  ricominciare  a  sperare  e  a  capire  quale panorama  abbiamo  di fronte,  tutti  -  a  vari  livelli  -  ci  siamo interrogati  di  fronte  al  tentativo  di  Bersani  di comporre un Governo chiedendoci quali saranno gli attori in caso di successo, ponendoci quesiti sul futuro (prossimo) in caso di un suo insuccesso.

La  situazione  è  molto  complessa  e  credo  si  debbano  chiarire  alcuni punti  fermi dell’azione del PD in questo momento.
Innanzitutto,  in  questa  fase  tutte  le  scelte  sono state  fatte  tenendo conto  di  ciò  che  il Paese ci ha consegnato come volontà e cioè la necessità di cambiare passo, di rimettere al centro della politica la vita vera del Paese con una rinnovata e urgente attenzione ai problemi  dei  cittadini  e  della  gente.  A  partire  da  questo  il  PD  ha fatto  dello  slogan “responsabilità è cambiamento” la bussola e il punto delle scelte.
I primi atti di questo concreto cambiamento sono stati sicuramente l’elezione dei  due Presidenti  di  Camera e Senato,  Boldrini  e  Grasso,  confermando  la  volontà  di  Continua a leggere

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

IL FUTURO DI UN PAESE CHE NON HA UN PRESENTE

L’intervento che vorrei fare è quello che parla di una popolazione giovanile che oggi è di circa 1,2 miliardi, il più grande gruppo di giovani che il mondo abbia mai visto.
Vorrei dire che, dopo essere stati in prima linea nel cambiamento politico e sociale, dalle strade del mondo arabo all’occupazione di Wall Street, ora siamo dei protagonisti: nel mondo del lavoro come quello della politica, vorrei dire che siamo protagonisti nel nostro paese e PER il nostro paese.
Mi ritrovo a dover ripetere quello che tutti già sapete,che i giovani oggi hanno, rispetto al passato, quasi tre volte più probabilità di essere disoccupati da adulti e purtroppo non solo questo.
In Italia la famosa Legge 30 del 2003 doveva nelle intenzioni “realizzare un sistema efficace e coerente di strumenti intesi a garantire trasparenza ed efficienza al mercato del lavoro e a migliorare le capacità di inserimento professionale dei disoccupati e di quanti sono in cerca di una prima occupazione, con particolare riguardo alle donne e ai giovani”.
I risultati della legge sono stati ben altri: mai come in questi anni si è
acuito il numero di lavoratori precari, legati alle aziende da svariate e fantasiose tipologie contrattuali. Quelle che sulla carta si presentano come semplici “collaborazioni”, in realtà celano veri e propri lavori sottopagati e subordinati (cioè con orari, postazioni, e il monitoraggio continuo dei superiori).
Per porre rimedio il Governo italiano ha sinora previsto:
- taglio dei contributi del 30% per chi assume apprendisti, possibilità di sotto-inquadramento, e vantaggi normativi;
- sgravi fiscali dell’Irap per le imprese che assumono giovani sotto i 35 anni a tempo indeterminato;
- imposta sostitutiva sui redditi e sulle addizionali regionali e comunali Irpef pari al 5% nell’anno di costituzione e nei quattro seguenti per le persone fisiche che stanno per avviare un’impresa oppure che hanno avviato un’attività successivamente al 31 dicembre 2007;
- incentivi per la costituzione di Srl, i cui titolari non hanno più di 35 anni; il capitale sociale è fissato a un euro, ed è prevista l’esenzione da diritti di bollo e segreteria, assistenza notarile gratuita. Continua a leggere

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Letta: Pd pronto a guidare il Paese

Tra Manovra e prossime sfide del Partito democratico. Il vicesegretario Enrico Letta è intervenuto ieri sera alla festa provinciale dei democratici a Desenzano affrontando i temi di maggiore attualità della politica nazionale. A partire dall’ultima Manovra fino alle riforme passando attraverso il fronte interno di discussione che ha animato il Pd nelle ultime settimane, in primis la nuova legge elettorale che ha visto lo scontro tra la segreteria di Bersani e l’ala veltroniana.
Un intervento, quello di Letta, che non affronta solo la contingenza, ma che è rivolto al futuro nella convinzione che il Pd sarà presto forza di Governo come attore principale di un’alleanza ampia e in cui «il candidato premier sarà Pier Luigi Bersani, al di là di tutte le speculazioni e di tutte le voci che si sono levate negli ultimi mesi».
«Il senso di responsabilità invocato dal Presidente della Repubblica». È questo il punto di partenza di Letta per affrontare il tema della Finanziaria e delle tensioni che attraversano la maggioranza, a cui si somma la delicata situazione economica italiana nell’intero contesto di Eurolandia. «Serve un atto di responsabilità per salvare l’Italia all’interno dell’Europa e del sistema dell’euro. Questo perché se cede il nostro Paese, allora è destinato a fallire l’intero sistema monetario europeo». Il vicesegretario del Pd individua l’etica della responsabilità nell’azione delle opposizioni parlamentari che insieme hanno prodotto un pacchetto di 25 emendamenti da proporre in aula. «Pd, Idv e Udc – ha detto Letta – hanno accolto l’appello di Napolitano, ma hanno anche predisposto un pacchetto di proposte che sono l’architrave del nostro futuro programma economico». Un programma che Letta conta di proporre presto al Paese «perché a mio parere si andrà al voto a ottobre o al più tardi ad aprile e noi del Pd dobbiamo aver ben chiare quali sono le priorità del Paese, in modo che Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , | Lascia un commento