Archivi categoria: Mobilità

Trasporto pubblico, il Pd: “La Regione sconfessa Comune e Provincia di Brescia”

Veniamo a conoscenza in data odierna di un incontro tenutosi nella giornata di ieri lunedì 2 Aprile, su richiesta del comune di Brescia, tra le dirigenze di Comune, Provincia e Regione Lombardia, sul tema della procedura per la gara di affidamento del TPL sul bacino provinciale, alla luce dell’approvazione della nuova legge regionale in materia.
Apprendiamo che l’ ’incontro è stato sollecitato dal Comune di Brescia per analizzare la nuova normativa regionale, per verificare la possibilità, del Comune di Brescia stesso, di anticipare i tempi rispetto agli obblighi posti dalla recente legge approvata.
I dirigenti della Regione Lombardia hanno evidenziato che l’art. 22 (procedure per l’affidamento dei servizi) comma 1 recita:” Nel rispetto delle competenze statali in materia di tutela della concorrenza, l’affidamento dei servizi è disposto dalle Agenzie per il trasporto pubblico locale in conformità alla normativa vigente; ……omiss” e pertanto nessun altro Ente è deputato a svolgere le gare.
Le agenzie del trasporto, prima della gara devono (art 13 comma 1) redigere i Programmi di bacino del trasporto pubblico locale, nei quali (art. 13 comma 2) provvedono alla ridefinizione della rete dei servizi raccordandoli con i servizi di metropolitana e servizi ferroviari regionali.
La Regione nei prossimi mesi dovrà ridefinire le risorse da attribuire ai cinque nuovi bacini di trasporto definendo un costo standard per le varie tipologie di servizio sviluppato sul territorio.
“Ricordiamo” intervengono i Consiglieri Democratici in Provincia Maltempi e Mottinelli, con i colleghi in Loggia Boifava e Manzoni “ che la Convenzione Loggia-Broletto prevedeva una gara unica per il bacino provinciale della durata di nove anni per bus, pullman e parcheggi di Sintesi spa, lasciando fuori la metropolitana, che per i primi sette anni sarà gestita da Metrò Brescia, società mista tra Brescia Mobilità che esprime il 51 per cento del Cda e Ati appaltatrice (49 per cento). Sembrava che per la prima volta i 30 milioni di chilometri del bacino provinciale, che solo per la Provincia valgono 36 milioni di euro tra contributi Continua a leggere

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , | Lascia un commento

Pd: «Grandi opere, il sindaco sia onesto»

Il Partito Democratico chiama ancora una volta alla «responsabilità» il sindaco Adriano Paroli. «Si presenti ai cittadini e dica con onestà che le grandi opere, dallo stadio al parcheggio sotto il Castello, non possono essere realizzate». E la maggioranza «si sieda ad un tavolo per discutere del programma di alienazioni». La riflessione questa volta è affidata al presidente della commissione Bilancio Fabio Capra che «spulcia» i conti della Loggia e invita Paroli e i suoi assessori a «badare prima di tutto ai bisogni dei cittadini, mettendo in campo interventi per aiutare le famiglie e i lavoratori».
«SIAMO CONTENTI che siano in finale per l’Oscar del Bilancio, che peraltro Brescia ha già vinto nel 2007 – picca Capra -. Ma è una gara tra atleti dal fiato corto. In più vivono di rendita perché nel 2008 abbiamo lasciato un tesoretto da 150 milioni che hanno ridotto a 40, più 30 che arriveranno dal dividendo di A2A». Nel prendere in mano gli estremi del rendiconto 2011 presentato la scorsa settimana, il democratico riscontra che dei 50 milioni in conto capitale per i pagamenti «32 sono stati fatti fuori a inizio 2011 per saldare debiti dell’anno scorso e il ragioniere capo ha detto che ad oggi ne sono stati già spesi in tutto oltre 49. Certo, per fortuna non resta più niente da pagare, spiega Di Mezza. Ma è come dire che per i prossimi mesi è tutto fermo, non c’è nemmeno niente che sarà realizzato».
Insomma, batte ancora lo stesso tasto l’ex assessore della giunta Corsini. Quello delle opere pubbliche incompiute perché «a buon fine questa Amministrazione riuscirà forse a portare la metropolitana e la casa di riposo, nuova Arici Sega, ereditate da noi». Per contro «si tagliano i servizi scolastici e sociali a partire dal bonus anziani» e si «introduce l’addizionale Irpef dicendo furbescamente che è per pagare la metropolitana».
Capra attacca anche sul tema dividendi di A2A («hanno fatto tanto trambusto per la Continua a leggere

Pubblicato in Mobilità, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

Pd: «Dimezzati i treni, raddoppiati i prezzi»

«Meno corse, meno servizi e biglietti più cari» per chi viaggia in treno. «Se questa è la politica di Pdl e Lega, l’unico treno che deve rimanere al capolinea è quello del Governo». Il consigliere regionale Pd Gianantonio Girelli ha espresso preoccupazione per la mancanza di servizi adeguati, a fronte degli aumenti tariffari imposti dalla Regione. E lo ha fatto proprio in Piazzale Stazione – prima di recarsi a Milano come ogni pendolare – insieme ai Giovani Democratici, impegnati in attività di volantinaggio.
«I cittadini devono essere realmente informati su cosa accade. Il costo di biglietti e abbonamenti è aumentato del 23% da inizio 2011. La Regione ha promesso quindi un servizio migliore, invece rischiamo di veder moltiplicati i disagi: stessi ritardi, meno comfort, meno pulizia e molti meno treni». Un esempio che interessa i bresciani: «Con gli aumenti prospettati, sulla tratta Milano-Brescia il biglietto passerà da 6,80 a 13,60 euro e l’abbonamento da 93,50 a 187 euro – hanno sottolineato i Democratici -. Ciò graverà pesantemente sulle spalle delle famiglie, mettendo a disagio studenti e lavoratori, che per primi muovono l’economia».
Secondo Girelli il «lamento» pervenuto dal Pirellone – con la riconsegna allo Stato dei Continua a leggere

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , | 1 commento

Corsini risponde all’assessore Di Mezza sulla questione “Metropolitana”

Le dichiarazioni dell’assessore Di Mezza esigono una replica, se non altro ad ulteriore chiarimento, dopo che io stesso e gli esponenti del Pd in Loggia in più di un’occasione siamo intervenuti a fare chiarezza sui conti della metropolitana, scontrandoci, tuttavia, con una ostentata finzione di non ricevere, con una pervicace volontà di non capire. Da qui il polverone sollevato a proposito del piano finanziario redatto dalla precedente Amministrazione, un polverone teso a mascherare una stagione inconcludente, avara di opere e di risultati, persino inerte, solo impegnata a disfare. Sono infatti tutte riconducibili alla Giunta di centrosinistra le realizzazioni più significative in via di compimento, dalla piscina di Mompiano alla casa di riposo di San Polo, da Campo di Marte alla Polveriera, dal parcheggio della fossa di piazzale Arnaldo ad una serie di interventi sulla viabilità. Una Giunta, quella che ha governato la città nel decennio 1998-2008, che ha lasciato ai suoi successori il terzo bilancio di città capoluogo meno indebitato d’Europa (15 milioni di mutui o a tasso zero –Frisl- o irrilevante –Credito sportivo ) e un tesoretto di circa 160 milioni di euro. Dati sui quali Di Mezza sorvola, fingendo di non conoscerli. Prima di addentrarmi negli addebiti rivolti a me e all’Amministrazione che ho condotto, ancora due brevi considerazioni: in precedenza il piano finanziario della metropolitana era stato bocciato da Di Mezza perché predisposto “in malafede”, adesso, con una virata preventiva rispetto alla causa civile che, al momento opportuno, sarà intentata a suo carico, l’assessore sente di dover mettere le mani avanti e quindi precisa che “le critiche (…) non riguardano né la sfera personale, né tantomeno la moralità dei precedenti amministratori”. La “malafede” chi e che cosa riguarderebbe allora? Ed ancora: la schizofrenia di questa Giunta di fronte alla metropolitana. A volte denigrata ed osteggiata, a volte rivendicata ed esibita con tanto di assessori in elmetto, la convocazione di un ex ministro (Lunardi) e di un’ amena compagnia cantante. Ma veniamo alle obiezioni di Di Mezza a partire dalla questione riserve, questione a lui non certo sconosciuta, vista, tra l’altro, la presenza di Di Mezza padre nel Cda di Brescia Mobilità. Il capitolato di gara ed il successivo contratto di appalto Continua a leggere

Pubblicato in Mobilità | Lascia un commento

«Pedonalizzazioni, tutti i numeri»

Il metro di paragone è il 2008. Dopo quella data ci sono stati «solo peggioramenti» commentano gli Ecodem. Piazza Duomo è stata alleggerita dalla mostra dei parcheggi ma questo «è soltanto un passo in avanti rispetto alla situazione dell’anno scorso ed è invece due passi indietro rispetto ai traguardi raggiunti tre anni fa» spiega Paolo Vitale, coordinatore circolo Ecodem Brescia. E dati alla mano mostra come piazza Paolo IV nel 2008 ospitasse solo 38 posti auto riservati ai residenti della piazza stessa. Già nel 2009 le cose cambiano e sulla piazza viene dato il via libera alla sosta di 74 veicoli (33 per i residenti di tutto il centro storico più 41 aperti a tutti gli automobilisti). L’elenco si ferma ai recenti cambiamenti quando l’amministrazione comunale decide per 49 posti auto per tutti i residenti del centro storico (nessun posto riservato ai resdienti della piazza) più 16 parcheggi riservati a categorie speciali tra cui 12 adiacenti al Broletto. Pd e Ecodem, pur apprezzando la «virata» sulle politiche della mobilità della maggioranza, criticano però «l’eccessivo entusiasmo con cui hanno pubblicizzato la nuova regolamentazione» commenta il segretario cittadino del Pd, Giorgio De Martin. Da 38 si è passati a 74 per poi tornare a 65. Un gioco di cifre che non piace agli ecologisti e alle tante associazioni ambientaliste del territorio. Stesse critiche arrivano anche all’indirizzo di piazza Tebaldo, piazza Vittoria e del Foro.
Ecodem e Pd tornano poi sulla petizione «Piazze storiche aperte alle persone» presentata in commissione – «e poi non … Continua a leggere

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità | Taggato , , , , | Lascia un commento

Ecocompatibilità: Brescia perde 9 posti

Bene acqua e verde pubblico Ma i consumi di gas ed energia, i rifiuti prodotti e le automobili continuano ad aumentare
Brescia è sempre meno ecocompatibile. Lo rivela il rapporto sugli indicatori ambientali urbani diffuso ieri dall’Istat. È un quadro con tante ombre e poca luce, al punto che la città in un solo anno ha perso ben nove posizioni nella classifica nazionale guidata da Trento e chiusa da Siracusa, slittando dalla 22esima alla 31esima.
ARIA. Uno degli elementi che concorrono alla performance negativa è ovviamente la qualità dell’aria. Le centraline di monitoraggio nel tempo si sono dimezzate e nel 2010 erano ferme a 2,1 ogni 100mila abitanti (nel 2000 4,1), gli inquinanti sono passati in un decennio da 6 a 13. I giorni di supero però secondo l’Istat hanno subito un’incredibile diminuzione: erano 100 nel 2009, sono stati «solo» 89 nel 2010. Un dato comunque ben superiore alla soglia di 35 giorni fissata dall’Europa.
ENERGIA. Anche il capitolo energia non dà soddisfazioni. I consumi di gas, se pure inferiori a quelli del 2000 (368,5 metri cubi all’anno) sono aumentati passando dai 287,6 metri cubi pro capite del 2009 ai 325 dell’anno scorso. Così anche l’energia elettrica (da 1.091,7 a 1.145,9 kiloWattora per abitante; da 2.289,7 a 2.409,7 kiloWattora per utenza). Brescia può comunque contare … Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Idee e politica, Mobilità | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Pd: «Via l’ordinanza. Preferite i Suv?»

Contribuisce di più al degrado un Suv parcheggiato in piazza Duomo o una bicicletta attaccata a un palo in via X Giornate? La domanda, retorica, la pongono i consiglieri comunali del partito democratico. Ieri hanno fatto un giro collettivo di piazza Loggia in bicicletta per dire che l’ordinanza «anti biciclette» deve essere ritirata, che lunedì se ne parlerà in consiglio comunale grazie a un’interrogazione presentata nei giorni scorsi e invitare a partecipare al raduno di biciclette, o se si preferisce flash mob, promosso dal popolo di internet.
«UN SIMPATICO GIRO in bicicletta per segnalare l’irritazione crescente e diffusa nei confronti del provvedimento di questa giunta sulle multe alle biciclette – spiega il capogruppo Emilio Del Bono -. In tre anni questa Amministrazione non ha stanziato un euro per la mobilità ciclabile e ora si colpiscono in modo improvvido i ciclisti».
Per il Pd quello della giunta è «un atteggiamento schizofrenico»: «Invece che sanzionare gli abusi degli automobilisti, colpiscono chi va in bicicletta», afferma Del Bono. Federico Manzoni fa sintesi del segno che questa Amministrazione starebbe dando alla mobilità sostenibile: «Tariffe del bus più care, più sanzioni per le biciclette, riduzione della tariffa della sosta per i mezzi privati».
IL PD RESPINGE l’equiparazione dell’attuale ordinanza con quella del 2005 della giunta Corsini: «Quella riguardava solo la stazione e fu fatta per contrastare alcune situazioni particolari – osserva Aldo Boifava -. Con quella di Rolfi c’è la pesante introduzione del divieto in corso Zanardelli e via X Giornate, nel cuore della città. In realtà, al di là delle Continua a leggere

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , | Lascia un commento

Soppressione scuolabus: ora in campo Franchi Carducci, Virgilio

Non sono solo i genitori della media «Bettinzoli» a protestare per la «soppressione» degli scuolabus. Il gruppo consiliare Pd registra le proteste anche di famiglie della Virgilio, Carducci e Franchi, in pratica di tutte le scuole cittadine in cui il servizio è attivo. E annuncia un’interrogazione che sarà esaminata nel Consiglio comunale di lunedì, illustrata ieri da Alberto Martinuz e Giuseppe Ungari.
I consiglieri del Partito Democratico vogliono capire quali siano gli istituti interessati dal taglio e quanti gli alunni coinvolti, a quanto ammonti il costo del «prezioso» servizio sospeso, quali soluzioni alternative il Comune intenda mettere in campo per rendere agevole e sicuro il percorso casa-scuola e perchè anche a posti vuoti sugli scuolabus non vengano ammessi nuovi studenti che lo richiedano.
SU TUTTO, IL PD punta l’indice contro le promesse non mantenute. «In sede di approvazione del Bilancio in Consiglio comunale l’assessore Fausto Di Mezza aveva detto che non ci sarebbe stati tagli ai servizi – sottolinea Martinuz -. Dopo 45 giorni veniamo a sapere della soppressione degli scuolabus per gli studenti delle classi prime, ma quello non è un sussidio, bensì un servizio per portare i ragazzi a scuola in sicurezza e consentire spazi di autonomia a chi sceglie scuole di un bacino diverso da quello di appartenenza».
È il caso – cita Ungari – di una decina di alunni di via Crocifissa di Rosa che intendono frequentare la Virgilio di via Nikolajewka perchè ha una sezione musicale. «Se le famiglie hanno diritto di scegliere la scuola in base al Piano dell’offerta formativa – dice -, questo Continua a leggere

Pubblicato in Mobilità, Scuola | Taggato , , , , , | Lascia un commento

«Bus e treni, servizi scadenti e prezzi alti»

Prezzi più alti e servizi più scadenti. Con questo slogan e con un volantinaggio alla stazione ferroviaria Pd e Giovani Democratici hanno stigmatizzato la situazione del trasporto pubblico locale, inteso come mobilità urbana e ferroviaria.
«Il biglietto del bus è aumentato del 20 per cento e così ogni tipologia di abbonamento» denuncia il responsabile ambiente, mobilità e trasporti della segreteria provinciale dei Gd Alessio Bondioni che sottolinea come a fronte di questo incremento dei prezzi non vi sia stato alcun investimento ma al contrario una riduzione del numero giornaliero delle corse ed un depotenziamento di molte tratte, senza contare l’eliminazione di alcune corsie preferenziali strategiche come quelle di via Cremona, via Cairoli e corso Martiri. «Tra un anno e mezzo arriverà a Brescia anche la metropolitana ma la giunta non ha ancora deciso come ridisegnare il trasporto di superficie» rincara la dose il consigliere del Pd in Loggia Federico Manzoni che chiede alla Giunta di dare risposte chiare anche in merito alla scadenza, il prossimo 30 di giugno, del contratto di servizio di Brescia Trasporti. «Abbiamo presentato in consiglio una interrogazione orale nella quale chiedevamo di sapere quale fosse l’intenzione dell’Amministrazione in merito, se quella di una proroga di 8 mesi o di una nuova gara, ma l’assessore alla Mobilità Fabio Rolfi ci ha dato solo delle risposte vaghe» puntualizza Manzoni. «Siamo soddisfatti delle dichiarazioni di Rolfi sulla pedonalizzazione ma non possiamo non vedere su tutti gli altri fronti Continua a leggere

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento