Archivi categoria: Ambiente e Agricoltura

27/9 – Agricoltura Lombarda, Risorsa Europea. Nuovo appuntamento verso Expo

20140927_paratico

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Blog Dem, Europa | Lascia un commento

«Caffaro, in missione per trovare soluzioni»: delegazione della commissione Ambiente della Camera a Brescia

miriam_cominelliLa proposta è stata avanzata dalla deputata bresciana del Pd Miriam Cominelli e volentieri accolta anche dal presidente della commissione Ermete Realacci. Il quale raggiunto telefonicamente da Bresciaoggi, conferma: «Si tratta di una vicenda sicuramente molto rilevante. Me ne ero occupato anche in un´interrogazione il 9 aprile scorso, all´inizio della legislatura, sia a seguito delle notizie apparse (e della trasmissione Presa Diretta, Ndr.) sia in relazione al tema della falda acquifera e agli esiti degli studi epidemiologici. Un tema quindi di cui mi sono già interessato, e sul quale sono stato sollecitato dalla collega Cominelli e anche dallo stesso sindaco di Brescia».
Sarà una giornata densa di incontri, spiega Realacci. Guidata dal presidente, della missione faranno parte come componenti ufficiali oltre alla deputata pidiina anche Mirko Busto del M5S. «Saremo prima dal sindaco, poi in Prefettura e incontreremo sia gli organi tecnici (Asl e Arpa) sia le organizzazioni dei cittadini, i comitati e le associazioni ambientaliste, e poi l´azienda e sindacati». Un´esplorazione, insomma, a 360 gradi. «Un´iniziativa che ha innanzitutto uno scopo di tipo conoscitivo – evidenzia ancora il presidente -; ma per quanto è nelle nostre capacità e nei nostri poteri cercheremo di favorire una soluzione positiva dei problemi aperti».
La missione «ha certamente l´obiettivo di per fare un quadro sullo stato dell´arte del Sito di interesse nazionale, su cosa è stato fatto e su cosa si può pensare di fare meglio – Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Brescia ottava città più inquinata d’Italia

I dati contenuti nella relazione dell’ARPA confermano che l’equilibrio ambientale dei quartieri di S. Polo e Buffalora presenta delle criticità, infatti i tecnici definiscono questa zona come “un’area difficile con forte viabilità e industrie”.
Anche i dati ISTAT identificano Brescia tra le città più inquinate d’Italia: occupa l’ottavo posto nella graduatoria relativa agli esuberi delle PM10 e nell’anno 2011 ha raggiunto la quota di 113 giorni di superamento della soglia consentita.
Questi dati, che si aggiungono ai dati Asl sulle patologie respiratorie, evidenziano che le preoccupazioni espresse dai residenti sono fondate e per nulla strumentali.
Dall’analisi dei dati emerge una realtà territoriale che necessita di un’attenzione particolare e che impone scelte presenti e future ben ponderate per non peggiorare il precario equilibrio ambientale della zona.
Le recenti scelte dell’A.C. (PGT, cittadella dello sport, insediamenti produttivi, ecc…) invece non rispondono nel modo più assoluto a migliorare la qualità di vita dei residenti.
Si chiede pertanto all’A.C. di continuare il monitoraggio del territorio e di attivarsi in modo costruttivo presso la Provincia per non consentire ulteriori autorizzazioni di discariche nei comuni limitrofi e presso la Regione affinchè non ci siano aumenti di escavazione (attualmente col vigente piano il volume estratto è pari al 30% di quello autorizzato), vista la discussione in corso relativa alle “Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava”.

Mario Sileo
Coordinatore del gruppo Ambiente
del Partito Democratico

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

La sfida verde degli Ecodem per una Brescia sostenibile

Dieci buoni motivi per modernizzare l´economia, virando verso una prospettiva sostenibile. Sono le proposte per uscire dalla crisi lanciate dagli Ecodem, l´associazione di ecologisti nel centrosinistra che ha aperto un circolo anche a Brescia nell´autunno 2010.
«AVANZIAMO dieci proposte che possono essere facilmente declinate sul territorio bresciano, ed entrare a far parte dei futuri programmi politici», spiega Paolo Vitale, portavoce degli Ecodem di Brescia, nel presentare il “manifesto verde” insieme ai politici del Pd iscritti agli Ecodem, fra cui il consigliere regionale Giambattista Ferrari, il consigliere provinciale Roberto Cammarata e il senatore Francesco Ferrante. «Principi da tenere presente soprattutto a Brescia, dove si sta facendo tutto ciò che è contrario all´economia verde, come incentivare il consumo di suolo, le autostrade, i mezzi di trasporto vecchi», dice Vitale.
L´economia verde come uno dei pilastri per la ricostruzione dell´Italia, un new deal ecologico che cammina su due gambe, la rivoluzione industriale e tecnologica legata alla green economy e un cambiamento culturale verso una nuova idea di benessere con stili di vita diversi: questa la ricetta di base degli Ecodem, perché «chi cammina con lo sguardo al passato è chi non capisce le potenzialità di questo sviluppo», dice il senatore Ferrante.
FRA LE DIECI proposte figura la modernizzazione ecologica dell´industria italiana (industria dell´automobile, nuovi materiali e Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura | Taggato , , , , , , , , , , | 1 commento

Caso Monte Isola, gli Ecodem chiedono l’intervento del ministro dei Beni Culturali: “Lo scempio va fermato”

Il circolo ECODEM di Brescia si mobilita per fermare il PGT di Monti Isola che sconvolgerebbe, con una inutile quanto dannosa cementificazione, in modo irreversibile uno dei luoghi più belli d’Italia. Una edificazione che interessa aree di proprietà comunale che verrebbero cedute a qualche immobiliare per produrre case che rimarranno invendute. La Lombardia è una delle regioni più urbanizzate e cementificate d’Europa, la pianura bresciana, il territorio in cui si è sacrificata più superficie agricola. “Dobbiamo fermare questo ennesimo insulto al nostro territorio. Molti cittadini sono preoccupati. Abbiamo portato le loro istanze a livello nazionale. Ci attendiamo una risposta del Ministro Ornaghi all’interrogazione parlamentare presentata dai senatori Della Seta e Ferrante (Pd)”. Nel comunicato stampa del 14 marzo i senatori del Pd Roberto Della Seta e Francesco Ferrante dichiarano: “A Monte Isola sul Lago d’Iseo, uno dei borghi più belli d’Italia, l’amministrazione comunale sta portando un incredibile assalto al territorio, con un ecomostro adibito a parcheggio per motocicli e con un megaprogetto che prevede la realizzazione di 13 comparti residenziali. Chiediamo al Ministro dei Beni culturali di attivarsi per fermare questo scempio, che comprometterebbe un territorio di grande pregio”. “Monte Isola – continuano i parlamentari – è un caratteristico borgo, dove da sempre vige il divieto di circolazione delle automobili e che doveva essere un modello di sostenibilità, di tutela del patrimonio e di sviluppo sostenibile del turismo. Ma sull’isola è sorto tra grandi resistenze e polemiche un «sarcofago» di metallo alto sei metri e quaranta e lungo cinquanta metri solo per mettere al coperto le moto, mentre a questa impattante Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Bosco Stella: a che gioco sta giocando la provincia?

Oggi si è svolta a Milano la Conferenza regionale dei Servizi sulla questione della discarica di Bosco Stella (Castegnato), conferenza che aveva come oggetto la raccolta dei pareri sulla valutazione di impatto ambientale. Mentre le Asl e i Comuni hanno espresso parere negativo, i tecnici della Provincia presenti in conferenza non hanno ritenuto di esprimere alcun parere.
Questo è particolarmente grave visto che in sede di Commissione Ambiente della Provincia, a seguito di una delibera di giunta e di una delibera approvata all’unanimità in Consiglio provinciale, si davano indicazioni precise di esprimere un parere negativo. La situazione appare ancora più delicata visto che ieri il vicepresidente della Provincia, l’on.Romele, aveva assunto l’impegno formale di concordare con i tecnici la modalità per presentare un parere negativo, che invece si è tradotto in una lettera di accompagnamento..
A che gioco sta giocando la Provincia? Non si può giocare al gioco delle tre carte quando di mezzo ci sono persone e territori.
Chiediamo al Presidente della Provincia che rimedi urgentemente alla situazione vergognosa che si è verificata oggi: non è ammissibile assumere pubblicamente impegni politici e poi compiere un voltafaccia quando è il momento di dare concretamente seguito alle decisioni. La Provincia ha disatteso gli impegni assunti con gli amministratori locali, i comitati e i cittadini che si stanno mobilitando da diversi mesi, mettendo in scena un gioco irreseponsabile e scorretto.
Chiediamo alla politica un gesto di autorevolezza a tutela dei territori.

Gruppo Consiliare in Broletto
PD provinciale

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

«Brixia Sviluppo, l´ultima parola alla Corte dei Conti»

Brixia Sviluppo è «scomparsa» confluendo in Brescia Infrastrutture, ma le polemiche non sono ancora finite. Pd, Idv e Sel hanno infatti preparato, come annunciato, un dettagliato esposto alla Corte dei Conti, curato dall´avvocato Lorenzo Cinquepalmi, nel quale chiedono che sia fatta sugli acquisti effettuati dalla società. Dall´ex Oviesse (ora Buonissimo), al terreno di Guidizzolo che avrebbe dovuto ospitare i sinti, fino alla nuova sede della circoscrizione Est a Sanpolino «con spazi sproporzionati alle esigenze di servizio» e alla nuova sede dei vigili in San Faustino «a tre minuti dalla sede di via Donegani e che costerà alla fine 1,7 milioni», ha spiegato il capogruppo Pd Emilio Del Bono
Operazioni – «costose e irragionevoli, condotte non tutelando sul fronte dell´economicità il patrimonio comunale» e – ad eccezione dell´intervento sull´ex Oviesse – «senza un mandato del Consiglio».
L´ESPOSTO vuole chiudere politicamente l´annosa vicenda di un´operazione «gestita – per Del Bono – sotto l´egida di Rolfi, di marca leghista e realizzata per creare un bilancio laterale alle risorse appostate per l´assessorato del vicesindaco». Per fortuna, incalza Del Bono, ora la gestione è nelle mani di una persona «affidabile» come il direttore generale Triboldi: e per fortuna la società «ha chiuso, perché in alternativa avremmo assistito al terzo anno di perdite». Certo, il bilancio finale dice di «15 milioni spesi in una Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

CROMO NELLA FALDA: QUALE EMERGENZA?

Da quando l’attuale Giunta Comunale ha assunto le sue prime decisioni, quasi sempre disinteressandosi dei temi ambientali, il Partito Democratico si è mobilitato nel contrastare tali scelte sbagliate e per proporre politiche atte a ridurre i livelli di inquinamento della città di Brescia.
Oggi nuovi preoccupanti dati vengono segnalati dall’Arpa riguardanti la zona sud di Brescia, tra il villaggio Sereno e la zona di Chiesanuova, per l’inquinamento da cromo nella prima falda, che ha superato di 12.500 volte i limiti di legge, cioè 5 microgrammi per litro. Dati che peraltro seguono di pochi giorni quelli relativi a una discarica di Buffalora, dove l’Arpa ha rilevato la presenza massiccia di sostanze nocive.
Ci lascia perplessi soprattutto il fatto che la situazione è rimasta ferma dal 2008, quando si trovarono 500.000 microgrammi per litro nei pozzi vicino alla ditta di cromature dove era uscito il veleno: cosa hanno fatto le istituzioni in questi tre anni?
Leggiamo che il Comune sta mettendo a punto un piano di bonifica e intanto si gestisce Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Vogliamo meno inquinamento per i nostri figli

APPELLO
Nei giorni scorsi è stato dato ampio spazio dai quotidiani locali alla notizia di un’indagine sui bambini delle materne, progetto al quale collaboreranno Università e Comune e che avrà lo scopo di valutare, nei più piccoli, «eventuali» danni causati dall’esposizione ad agenti inquinanti. Il progetto, che già dal nome sembrerebbe essere un auspicio affinché alla salute dei più piccoli venga finalmente dedicata l’attenzione dovuta (ma che in realtà sta per Rischio ESPosizione Inquinamento aRia Atmosferica), elaborerà i dati per capire la relazione fra dato biologico e dato ambientale e valuterà i danni al dna e alle cellule delle vie respiratorie. Purtroppo, pur da non esperti, e volendo mantenere una dose di ottimismo che in un genitore non dovrebbe mai mancare, temiamo di sapere fin d’ora che i risultati dell’indagine confermeranno che i nostri figli sono a rischio dato che «l’esposizione agli inquinanti atmosferici trasportati dalle polveri sottili aumenta il rischio di alcune malattie come gli attacchi d’asma, l’infarto, i tumori polmonari, ed è noto che i bambini sono più vulnerabili degli adulti all’inquinamento dell’aria perché il loro organismo è meno reattivo». Noi, cittadini di Brescia e genitori dei cittadini di domani, non vogliamo e non possiamo rassegnarci a prendere atto che viviamo in una delle città più inquinate d’Italia. Non ci basta sapere Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Blog Dem, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Smog, Pd: “Mozione in Broletto per contrastare l’emergenza”

“La situazione della qualità dell’aria in molte zone della nostra provincia non è più sostenibile. Siamo ormai al 14esimo giorno di superamento dei limiti previsti per le PM10 e assistiamo ancora alla discussione su quali devono essere i provvedimenti da assumere e su chi deve farsi carico di assumerli”. Lo afferma il gruppo Pd in Broletto che definisce “grottesco il balletto delle responsabilità istituzionali attorno a questa drammatica situazione”. Nel giorno in cui si riunisce il tavolo dei sindaci dell’area critica (che ha deliberato per l’entrata in vigore delle targhe alterne da sabato 28 gennaio, ndr.) il Gruppo del Partito Democratico in Provincia di Brescia “chiede che tutte le istituzioni facciano la propria parte per quanto di loro competenza, e che la facciano subito e con provvedimenti applicabili immediatamente, senza attendere che il meteo ci venga in soccorso e senza timore di creare qualche disagio di troppo”. “Perché”, sottolineano gli esponenti democratici in Provincia, “se ha ragione il Prefetto quando ricorda che la Costituzione riconosce il diritto alla mobilità, è giusto anche ricordare che la stessa Costituzione garantisce anche il diritto alla salute. E siamo convinti che i cittadini bresciani, se si tratta di scegliere tra qualche disagio momentaneo e la loro salute, non hanno dubbi sulle decisioni da prendere”. “Per questo”, spiegano gli esponenti del Pd, “abbiamo presentato una mozione che chiede alla Giunta Provinciale di muoversi a tutti i livelli, da quello locale a quello regionale, prendendo provvedimenti diretti per quanto in suo potere e promuovendo misure da parte di tutti i soggetti coinvolti nella criticità, in modo da contrastare oggi l’emergenza e avviare da domani una seria prevenzione che agisca sulle cause e non solo sugli effetti del problema”. Consapevoli che “nessuno ha la bacchetta Continua a leggere

Pubblicato in Ambiente e Agricoltura, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento