Trenord: gravi responsabilità, subito una commissione di inchiesta

trenord

Dieci rilievi che vanno dal mancato rispetto delle scadenze manutentive non sistematicamente garantito, alle carenze nella gestione del personale, con particolare riferimento al contesto regolamentare sul carico del lavoro, all’analisi dei rischi ed il registro dei pericoli incompleti e non aggiornati al seguito di alcuni eventi pericolosi ed incidenti accorsi. E non solo. Parecchie sono le anomalie riscontrate nella gestione di Trenord, tra il 16 e il 20 ottobre 2017, dall’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie (Ansf), l’ente preposto a controllare che le società ferroviarie rispettino le procedure di sicurezza.  Il documento (riservato) è stato  pubblicato da Business Insider e  riguarda appunto il  rapporto relativo al sistema di gestione della società partecipata di Regione Lombardia .

“I fatti riportati dalla stampa sono allarmanti – ha dichiarato il consigliere regionale del PD Jacopo Scandella -  qui c’è in ballo la sicurezza delle persone e non una polemica sterile con l’assessore Sorte: dal documento dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie emergono rilievi gravi sulla gestione di Trenord nel controllo dei rischi, nella gestione della manutenzione e della sicurezza. Ci vuole subito una commissione d’inchiesta per mettere in luce le responsabilità di politici, dirigenti e funzionari e garantire sicurezza ai cittadini che utilizzano il servizio ferroviario”.

Sulle responsabilità non ha dubbi il segretario regionale del PD Alessandro Alfieri.

“Se qualcuno è responsabile dovrà rispondere. Dice bene Fontana, ma deve rivolgersi direttamente alla sua maggioranza, perché chi ha la responsabilità politica delle mancate scelte sul tema dei trasporti lombardi è proprio il centrodestra che governa la nostra regione ormai da troppo tempo. Negli ultimi cinque anni – sottolinea Alfieri – nonostante i nostri ripetuti appelli e iniziative in Consiglio regionale, non un solo passo avanti è stato fatto per dotare la Lombardia di una flotta di treni moderni, come hanno fatto invece altre regioni. Lo sanno bene i pendolari che hanno dovuto subire, per l’incapacità di destra e Lega, ritardi, cancellazioni di corse e malfunzionamenti”.

 




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>