Sanità e visite: otto mesi con il sistema sanitario nazionale, dieci giorni in privato. Con lo stesso medico

sanitàDieci giorni per fare una visita contro otto mesi: stessa struttura e stesso medico. È la differenza che può passare tra fare una visita in regime di libera professione, pagando la prestazione per intero, o con il servizio sanitario nazionale pagando il ticket.

A rilevarlo è il Comitato dei Controlli della Regione Lombardia che nella relazione relativa al primo semestre del 2017, presentata in commissione Affari istituzionali di Palazzo Pirelli, bacchetta l’amministrazione regionale sulle liste d’attesa in sanità.

Secondo le rilevazioni del comitato, i tempi di attesa per le prestazioni in libera professione sono almeno dieci volte inferiori rispetto a quelli “normali”, ma in alcuni casi la differenza è addirittura di 25 volte. Troppo, secondo il Comitato, che chiede alla Regione di effettuare “un monitoraggio trimestrale sull’andamento delle liste d’attesa per prestazioni istituzionali ed in Alpi (libera professione) nonché delle azioni di intervento obbligatorio al fine dell’equilibrio dei tempi”. A tal fine l’organismo propone di inserire nei regolamenti aziendali anche la possibilità della sospensione delle prestazioni in libera professione, e di introdurre una valutazione dei direttori generali anche in base alle azioni in materia di libera professione e l’andamento delle liste d’attesa.

Quello delle liste d’attesa in sanità è un problema molto serio a cui la Regione in questi anni non ha saputo porre rimedio, visto anche il fallimento dell’operazione “ambulatori aperti. Ora la Regione deve sgomberare il campo dal dubbio che la libera professione negli ospedali, anziché costituire un’opportunità in più per i cittadini, sia una causa dell’allungamento dei tempi di attesa. Purtroppo le considerazioni del Comitato non sembrano avere molto successo presso la giunta Maroni. Anche altre sollecitazioni non hanno avuto riscontro, come quella di unire le agende degli ospedali privati convenzionati a quelle delle strutture pubbliche per ridurre i tempi di attesa e per facilitare le prenotazioni da parte dei cittadini.

Fabio Pizzul, consigliere regionale PD




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>