Una legge di semplificazione che complica. Il PD vota contro

pirelloneLa legge di semplificazione approvata – dalla sola maggioranza – in Lombardia complica e non poco.

A tutti i costi la giunta e i partiti di maggioranza hanno voluto aggiungere cose che non c’entrano nulla con la semplificazione.

Qualche esempio? Trasferire altre risorse al centro di Nerviano senza però dare soluzioni a un problema che si trascina da tempo.

Oppure garantire a Maroni di poter aprire la campagna elettorale per le regionali con il costoso e truffaldino referendum consultivo sull’autonomia.
(Autonomia rafforzata: appuntamento con il PD il 19 maggio a Bergamo)

Il nostro voto non poteva che essere negativo.

Registriamo, fra le altre cose, la decisione di stralciare totalmente un articolo sull’aumento delle tariffe di biglietti di bus e treni. La Giunta aveva inserito un automatismo tra gli investimenti da parte del gestore del servizio e il costo di biglietti e abbonamenti. Chiaro che gli investimenti vanno fatti, ma la Regione non può scaricare i costi sempre sui pendolari.

Enrico Brambilla, capogruppo PD




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>