Parità di genere, una “forzatura” legislativa necessaria per fare un passo in avanti

voltiApprovata dal Consiglio regionale la legge che introduce la pari rappresentanza di genere negli organismi delle società partecipate e negli enti le cui nomine spettano alla Regione e al Consiglio regionale.

Almeno un terzo dei componenti dei consigli di amministrazione dovranno essere donne (o uomini). La Regione recepisce così, con un certo ritardo e con un iter un po’ accidentato, la normativa nazionale del 2011, grazie ad una legge bipartisan che ha come prima firmataria la vicepresidente del Consiglio regionale Sara Valmaggi (PD).

Durante la discussione ha fatto scalpore l’intervento del capogruppo della Lega Massimiliano Romeo. L’esponente leghista ha detto che le donne spesso non accettano incarichi pubblici perché preferiscono stare a casa ad occuparsi della famiglia.

Certe provocazioni dimostrano che c’è ancora molta strada da fare per superare una concezione della donna maschilista e retrograda. Questa di oggi è una forzatura legislativa indispensabile per superare la mancanza di volontà politica di alcuni settori. Oggi la Lombardia fa un passo avanti significativo in linea con quanto ci chiede anche l’Europa, ma c’è ancora molto da fare.

La legge prevede che ci sia un monitoraggio e prevede meccanismi immediati che garantiscano la pari rappresentanza. Noi abbiamo anche chiesto, con un ordine del giorno, che la Regione vigili sul rispetto del principio anche in quelle realtà, come le fondazioni, non coinvolte dalla normativa nazionale.

2 comments

  1. Pingback: Donne, opportunità e parità di genere in Lombardia: la diretta web mercoledì ore 13 | BlogDem

  2. Pingback: E ora parliamo di donne | BlogDem




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>