Riforma dei parchi, ecco perchè abbiamo votato contro la legge della maggioranza

parcoUna diversa idea di parchi ha visto contrapposti al voto in Commissione Agricoltura la maggioranza di centrodestra e il Pd (assieme al Patto civico). Nessuno degli 85 emendamenti dei democratici è stato preso in considerazione. Ma la revisione della prima bozza della proposta di legge non è stata sufficiente per Pd e Patto civico che hanno votato contro.

LEGGI ANCHE: Parchi, dalla maggioranza nessuna strategia. Rinviata di nuovo la discussione

Nelle settimane scorse, le audizioni in commissione avevano sostanzialmente stroncato la proposta di legge della maggioranza. Per questo il testo è stato rivisto.

L’idea di creare le macroaree, ad esempio, va nella direzione che noi abbiamo sempre auspicato e si avvicina ai nostri Aress, gli Ambiti regionali di sviluppo sostenibile. Il centrodestra però ne propone nove, mentre noi ne proponiamo sedici di cui una nuovissima con il “parco del Po“: insisteremo su questo anche in fase di discussione in Aula.

Per la maggioranza insomma si tratta solo di un’opera di razionalizzazione e di risparmio, nemmeno fossero uffici o sportelli territoriali inutili. Noi invece vogliamo valorizzare il concetto di area protetta con un allargamento della partecipazione a sindaci e Comuni, con un ruolo di primo piano dei territori e dei loro rappresentanti, con una visione a largo raggio che tiene dentro la lotta all’inquinamento e al consumo di suolo. Ma nella legge che propone il centrodestra non c’è nulla di tutto questo. Anzi.

Poiché le Province, al di là del risultato referendario, perderanno mano a mano peso, la nostra idea è che la Regione compartecipi con una quota obbligatoria e fissa alla gestione delle nuove aree protette. Ma con i Comuni e non solo quelli ricompresi nei parchi.

Un altro punto assolutamente inaccettabile è quello legato alle risorse. Dopo nostra insistenza gli incentivi sono stati raddoppiati passando da 210mila a 420mila euro. Si tratta però di risorse ancora troppo scarse. Inoltre sono destinati solo agli accorpamenti tra parchi regionali anche in questo caso senza una visione a più ampio raggio.

Agostino Alloni, consigliere regionale PD

1 comment

  1. Pingback: La riforma dei parchi in Lombardia: la diretta web giovedì alle ore 12.30 | BlogDem




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>