Gioco d’azzardo patologico e politiche regionali: quanto sono efficaci?

azzardoGioco d’azzardo patologico e politiche regionali per contrastare il fenomeno: sono davvero efficaci? Per monitorare l’andamento delle politiche regionali, il Comitato Paritetico di Controllo e di Valutazione dovrà svolgere una nuova e più approfondita indagine dei risultati in modo da reindirizzare l’attività della Commissione e dell’intero Consiglio.

LEGGI ANCHE:
Gioco d’azzardo: approvata una legge importante. Ora agisca anche il Parlamento
Ludopatie, il regolamento regionale inefficace

Già una prima analisi portata avanti pochi mesi fa dall’Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali ha messo in luce alcune incongruenze sugli esiti del sistema di regole e incentivi introdotti in Lombardia con la legge 8/2013 che abbiamo all’unanimità continuamente votato.

Questioni come la scarsa adesione all’incentivo fiscale per gli esercenti che scelgono di disinstallare le macchinette, ma anche come l’aumento paradossale (a fronte di una diminuzione di esercizi lombardi con apparecchi) di numero delle New Slot ci hanno fatto drizzare le antenne e chiederci: non è che il mercato si stia per caso ristrutturando per rispondere ai limiti posti dalla legge e renderli così meno efficaci? Occorre, a nostro avviso, trarre indicazioni dalle nuove e più approfondite ricerche sul campo in modo da poter conoscere, a 3 anni dall’approvazione della legge, i punti di forza e di debolezza sulle politiche in atto e soprattutto sui possibili correttivi per rendere più efficaci gli interventi da parte del legislatore.

Gli ultimi dati resi disponibili dalla Relazione della Giunta al Consiglio sullo stato di attuazione della legge 8/2013 restituiscono infatti un quadro d’insieme che lascia molte questioni aperte: in particolare, in tema di incentivi, solo 2 esercenti hanno richiesto e ottenuto l’agevolazione IRAP di 0,92% a fronte della disinstallazione degli apparecchi da gioco. La Relazione accenna poi ad alcune criticità in tema di controllo e vigilanza, mentre, dalla Relazione si evince anche che il numero di New Slot paradossalmente è aumentato del 10,4% tra il 2014 e il 2015, come sottolineato anche nel “Libro Blu dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli”.

Mario Barboni, consigliere regionale PD




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>