Garanzia giovani, a che punto siamo? La sintesi del convegno

garanzia_giovaniCome Pd dal 2014 consideriamo Garanzia Giovani come uno strumento importante di politche attive e perciò riteniamo necessario verificare, partendo dall’osservazione dei dati e dalle considerazioni degli esperti oggi intervenuti, la sua efficacia e il suo impatto sul mercato del lavoro.

Per questo abbiamo promosso l’incontro “Garanzia giovani – A che punto siamo? Bilancio e prospettive”: fare il punto sull’attuazione in Lombardia dello strumento del Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile che ha l’obiettivo di investire in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo.

Ai lavori hanno partecipato Brando Benifei, europarlamentare Pd, Francesco Laforgia, parlamentare Pd, Giuseppe Di Raimondo Metallo della Direzione generale Istruzione, formazione e lavoro di Regione Lombardia, Roberto Gazzonis, segretario regionale Giovani democratici, Elena Lattuada, segretario generale Cgil Lombardia, Roberto Benaglia, segreteria regionale Cisl Lombardia, Danilo Margaritella, segretario regionale Uil Lombardia, Giuseppe Zingale, presidente Afol Metropolitana, Stefano Binda, di Cna Lombardia, Alessandro Borgialli di Adecco Italia spa, Enrico Brambilla e Mario Barboni, rispettivamente capogruppo Pd e consigliere regionale.

In Lombardia ci sono 260mila NEET tra i 15 e i 29 anni. Si sono iscritti a Garanzia Giovani 92mila soggetti (sia attraverso il portale di Regione Lombardia sia attraverso il sito nazionale). Di questi 47mila sono stati presi in carico e 21mila sono stati assunti. La restante parte ha effettuato tirocini di vario genere. Mentre il 7% si è trovato con in mano un’assunzione a tempo indeterminato.

Le misure adottate non sembrano avere avuto un impatto significativo sul mercato del lavoro. Quota parte di questa inefficacia può dipendere dalle risorse. Il problema vero però ha a che fare con le dinamiche economiche di questo periodo. Pensiamo che sia necessario comparare le performance di Regione Lombardia non tanto e non solo con quelle di altre regioni italiane ma piuttosto con quelle di altre regioni europee più simili: è fondamentale per poter fare un adeguato confronto e correggere eventualmente il tiro. Noi crediamo che Garanzia Giovani possa avere un futuro ma deve essere collegata a una riforma complessiva delle politiche attive.

Onorio Rosati, consigliere regionale Pd




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>