Un fiume di parole che non sanno dove andare

Segnaliamo l’editoriale dell’ultimo numero della newsletter del Gruppo Pd

“Parole, parole, parole” cantava Mina in una canzone d’amore che esprimeva tutto il disagio di chi tentava di nascondere fragilità e dubbi dietro un profluvio verbale che invece di rassicurare finiva per inoculare nuovi dubbi e possibili distanze tra gli amanti.
Continua a leggere qui




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>