Fatti di Parigi, la Lega spacca il Consiglio regionale

parigiLa Lega si è assunta la responsabilità di spaccare il Consiglio regionale lombardo di fronte ai tragici fatti di Parigi. L’appello all’unità dello stesso Maroni, non a caso oggi assente in Aula, sono stati vanificati dal suo stesso partito durante la discussione su questo tema in Aula. È davvero una brutta pagina della politica lombarda e i responsabili sono i leghisti.

L’Aula ha approvato un ordine del giorno della maggioranza, votato dal solo centrodestra, e ha respinto altri due odg di Pd e Patto Civico e del Movimento 5 Stelle.

Per il Pd, che pure ha lavorato per una mediazione, è stato impossibile condividere il testo condiviso dal centrodestra. C’è un elemento discriminante ed è il richiamo a una legge ideologica, che parte dal pregiudizio secondo cui in ogni luogo di culto islamico si propaganda il sostegno al terrorismo. Una legge sbagliata, che crede di risolvere problemi complessi e di affrontare il terrorismo con delle semplici norme urbanistiche: ovviamente ci riferiamo alla legge antimoschee approvata dal Consiglio regionale della Lombardia e impugnata dal Governo per i suoi evidenti profili di incostituzionalità. (LEGGI ACNHE: Grazie alla maggioranza sarà più difficile costruire anche un nuovo oratorio)

Enrico Brambilla, capogruppo PD

1 comment

  1. Pingback: Neppure di fronte ai morti di Parigi | BlogDem




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>