Ritardo dote scuola, abbiamo chiesto chiarimenti. Ecco la risposta

scuolaA differenza degli altri anni, Dote scuola di Regione Lombardia è in ritardo e le famiglie dovranno anticipare i soldi per i libri, la voce che interessa di più e che pesa maggiormente sul bilancio famigliare. In seguito alla nostra interrogazione presentata martedì 8 settembre in Consiglio regionale, l’assessore all’Istruzione Aprea ha assicurato che poi la Regione pagherà. E noi monitoreremo che ciò avvenga.

Abbiamo ricevuto diverse lamentele da parte delle famiglie lombarde in attesa dei buoni, i quali non verranno erogati prima della fine di settembre. E questo ritardo per gli alunni significa cominciare l’anno scolastico senza la dotazione libraria e tecnologica sufficiente e necessaria. All’assessore abbiamo chiesto per quale ragione, nella tanto decantata efficiente Regione Lombardia, ci sia un ritardo del genere nell’erogazione del buono per l’acquisto di libri e dotazioni tecnologiche, poiché dalla chiusura del bando a fine luglio, c’è stato un mese di tempo per espletare la valutazione delle domande e per conoscere il numero delle richieste presentate.

Sapevamo già che l’erogazione del “Contributo per l’acquisto dei libri di testo e dotazioni tecnologiche” sarebbe stato in ritardo perché era stato prorogato di due mesi il termine di presentazione delle domande, dalla fine di maggio alla fine di luglio, per il rilascio della nuova certificazione Isee da inserire obbligatoriamente all’interno della domanda di Dote Scuola da parte dei Caaf. Ma tutto questo non può andare a inficiare l’efficacia e l’importanza dell’intervento: le famiglie hanno davvero bisogno di quei contributi. Tuttavia, all’assessore non è rimasto che confermare il ritardo. Ci auguriamo solo che non ci siano famiglie che non sono in grado di anticipare il denaro per i libri.

Jacopo Scandella, consigliere regionale  Pd 

5 comments

  1. Ma è possibile che invece di aiutare le persone che hanno bisogno di aiuto cerca solo di umiliarle ancora di più. … vergognatevi….dovreste essere voi ad avere bisogno

  2. d’ACCORDISSIMO CON IL SIG. GIOVANNI.
    OLTRE IL DISAGIO ECONOMICO QUESTI RAGAZZI DEVONO SOPPORTARE IL DISAGIO DI INIZIARE LA SCUOLA SENZA LIBRI,DOVENDO DARE UNA GIUSTIFICAZIONE AGLI INSEGNANTI, VENGONO ESPOSTI ANCHE PUBBLICAMENTE RISPETTO ALLE LORO CONDIZIONI ECONOMICHE.

  3. Mi vergogno come padre e come cittadino italiano residente in lombardia da venti anni!

    Ho tre figlie che vanno a scuola e ogni anno il Pirellone non fa altro che decurtare gli importi della dote scuola.
    I bambini delle elementari non percepiscono più la dote scuola perchè i libri li paga lo stato!
    E tutto il resto? … cancelleria ,carta igienica, fazzoletti e quant’altro le rappresentanti di classi ti chiedono ogni anno, perchè la scuola ne è sprovvista.
    La dote scuola non viene erogata ai ragazzi delle superiori oltre il secondo anno scolastico.
    Ma siamo matti..i libri ci vogliono e sono costosi.
    Sono demoralizzato!
    Un padre separato che non ce la fa più con i continui tagli da parte del Pirellone e le tasse che tartassano…scusate il gioco di parole!
    Buona giornata!

  4. Redazione 23 settembre 2015 at 13:39 - Author

    Caro Francesco, condividiamo le osservazioni e capiamo il tuo stato d’animo. Proprio per smuovere la Regione e rispondere alle tante, troppe, domande come la tua che ci arrivano ci siamo attivati per segnalare i disagi presso la direzione istruzione della Giunta che sta dimostrando tutti i suoi limiti nella gestione di una vicenda che era ampiamente preventivabile e risolvibile

  5. Il problema è che se noi famiglie paghiamo i libri, quando arriverà il Buono non potremo più usarlo ! Quindi anche anticipare non serve a niente !
    Dobbiamo per forza aspettare a ritirare i libri ordinati.
    Aspettare quanto ???




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>