Riforma della sanità: ecco perché votiamo NO

Questa riforma della sanità è una grande incompiuta, che non asseconda la grande ambizione, da cui era partita, di affrontare i mutamenti nella società. È una legge dimezzata perché affronta solo la governance, timida perché non porta a termine l’integrazione tra servizi sanitari e sociosanitari mantenendo la duplicazione tra ATS e ASST che impallerà il sistema, e, infine, senza copertura finanziaria, soprattutto sulle parti più innovative.
Riconosciamo passi avanti, a cui abbiamo contribuito nell’ottica della riduzione del danno, come la riforma dei ticket, che saranno finalmente più equi, l’agenzia di controllo che sarà indipendente e più efficace, le nomine che saranno sottratte alla lottizzazione, e l’eliminazione della legge Daccò. Rimane il grosso problema dell’aggregazione degli ospedali, soprattutto per quel che riguarda la città metropolitana, che già a settembre dovrà affrontare gli esami di riparazione

4 comments

  1. Pingback: Riforma sanità: i miglioramenti introdotti grazie al PD | BlogDem

  2. Pingback: La città metropolitana e la non-riforma della sanità | BlogDem

  3. Pingback: La non-riforma della sanità: tutti i numeri che dimostrano le criticità | BlogDem

  4. Pingback: Riforma della sanità, parte terza: di voto in voto le criticità restano | BlogDem




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>