Riforma sanità, pronti a dare battaglia e a bloccarli in Aula anche a Ferragosto

sanitàLe sorti della sanità lombarda dipendono dalle poltrone, in primis di quella dell’assessorato unico. A questo servivano i 103 emendamenti di Forza Italia, in parte ritirati oggi: per difendere la poltrona dell’assessore Mantovani. Che riforma ne può uscire con questi presupposti?

Forza Italia aveva presentato 103 emendamenti e tra questi la cancellazione dell’assessorato unico. Una parte di questi sono stati nel frattempo ritirati e il capogruppo forzista Pedrazzini ha dichiarato di condividere l’inedito metodo di votazione, contestato invece dal Pd perché, di fatto, impedisce la discussione approfondita del testo.

LEGGI ANCHE : Sanità, la proposta di legge targata PD

Dopo aver presentato un testo elaborato dalla giunta e aver presentato un maxiemendamento sostitutivo del testo in discussione, una parte della maggioranza, la strana coppia Lega-Ncd, ha presentato subemendamenti sostitutivi degli articoli del maxiemendament (tanto per non fare le cose difficili…).
La riforma viene continuamente riscritta nei vertici di maggioranza, all’insaputa forse dell’assessore alla salute e vicepresidente Mantovani, che nemmeno oggi era presente in commissione. Siamo arrivati a discutere solo i primi cinque articoli, perché la maggioranza aveva un accordo solo su quelli. A noi, invece, viene impedito di entrare nel merito, perché gli emendamenti della maggioranza fanno decadere automaticamente tutti i nostri.

Il Pd non ha fatto finora ostruzionismo, ma se la maggioranza impedirà di discutere nel merito una riforma che chiediamo da anni, daremo battaglia in Aula, dovessimo rimanere in seduta anche a Ferragosto.

Carlo Borghetti e Sara Valmaggi, consiglieri regionali PD a conclusione della seduta in cui ha preso avvio l’esame degli articoli del maxiemendamento che darà corpo alla riforma




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>