Lavoro badanti, approvata la legge: è la fine del far west

badanteÈ stato approvata martedì 19 maggio all’unanimità dal Consiglio regionale la prima legge della Regione Lombardia sulle badanti. Da oggi l’assistenza familiare diventa un elemento della rete dei servizi alla persona, con la collaborazione di Comuni, del Terzo Settore e della Regione: “è la fine del far west”, commenta il relatore Carlo Borghetti, del Pd, che è anche primo firmatario della proposta. Oggi le badanti in Lombardia sono circa 200mila e i due terzi lavorano in nero.

>>> MERCOLEDI 20 MAGGIO LA DIRETTA WEB SU www.blogdem.it

Ecco che cosa cambia: la Regione promuoverà corsi di formazione per le badanti di 150/200 ore che rilasceranno l’Attestato di Competenza di Assistente Familiare, dando dignità e professionalità al loro lavoro, aprendo a nuove occasioni di lavoro anche per giovani italiani. Vengono istituiti gli Sportelli territoriali per l’Assistenza Familiare e creati i Registri territoriali degli Assistenti Familiari e saranno introdotti sostegni economici in favore delle famiglie.
Gli Sportelli avranno compiti di gestione dei Registri, di ascolto e valutazione dei bisogni delle famiglie in cerca di badanti, aiutandole nella scelta più appropriata, e forniranno informazione su qualunque aspetto riguardi le procedure di assunzione.

Abbiamo finalmente messo alcune regole ma soprattutto abbiamo dato un aiuto alle famiglie a sentirsi meno sole nel momento in cui hanno bisogno di un’assistenza continuativa per i propri congiunti disabili o anziani non autosufficienti. I contributi alle famiglie più fragili, che la Regione dovrà definire in fase attutiva, saranno per il 2015 nell’ordine di 150 euro al mese. Ora tocca alla Giunta regionale implementare la legge, in collaborazione con gli enti locali e il terzo settore. Dopo un lavoro di due anni abbiamo raggiunto un buon risultato.

3 comments

  1. Pingback: Lavoro badanti, c’è la legge: ne parliamo mercoledì in diretta web ore 13 | BlogDem

  2. Pingback: Lavoro badanti, approvata la legge: è la fine del far west | Carlo Borghetti

  3. Stefano Bellumore 22 maggio 2015 at 11:41 -

    Bene l’istituzione del registro e i sostegni economici ai più fragili.
    Trovo pessima invece l’introduzione di un corso formativo, non se ne può più; oramai serve uno stupido attestato per tutto!
    L’essere badanti è una delle mansioni che oggettivamente richiede meno competenze in assoluto, giusto il buonsenso serve.
    Pensate davvero che l’enorme numero di badanti irregolari accorrerà ad iscriversi al registro dovendo sborsare centinaia di euro e molte ore per un corso inutile?
    Cosa si potrà poi insegnare in questi corsi, visto che l’accompagnamento è in gran parte richiesto da persone disabili o semplicemente anziane con necessità largamente eterogenee
    L’ennesimo intervento miope riguardante il mondo del lavoro, volto solo a complicare le cose.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>