Bilancio, la Regione rimanda le scelte (ancora una volta)

pirelloneQuello votato pochi giorni fa doveva essere un bilancio di guerra ma alla luce dei numeri, dopo tante lamentazioni contro il governo, sembra piuttosto un bilancio di armistizio. I casi sono due: o i tagli del governo non sono insostenibili come Maroni ha sempre detto o il tempo delle scelte è solo rinviato all’anno prossimo, soprattutto sui servizi in capo alle Province. Avremmo voluto vedere utilizzati i proventi dell’evasione e che fossero utilizzati i 30 milioni del referendum, che nel 2015 non si farà. Così non è stato. I ticket e l’addizionale Irpef non sono state toccate, ma ci sono alcune mance, come la defiscalizzazione per i cacciatori e per i possessori dei ciclomotori, mentre non si è voluto agire sulle leve utili a promuovere lo sviluppo e l’occupazione. L’unico investimento messo a bilancio è per un’opera non pubblica, la Brebemi. Nonostante qualche impegno positivo, come il rifinanziamento dei contratti di solidarietà, il nostro giudizio non poteva che essere negativo.

Enrico Brambilla, capogruppo PD in Regione




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>