Le famiglie meritano più di una discussione volgare

famigliaUna mozione strumentale, una discussione volgare. Per questo, martedì, siamo usciti dall’Aula al momento del voto sulla mozione leghista per “la difesa della famiglia naturale”. Documento che chiede l’istituzione di una festa della famiglia e invita il Governo di non applicare il documento per l’educazione sessuale redatto dall’Organizzazione mondiale della sanità.
Il tema della famiglia meriterebbe una trattazione più seria di quanto non sia avvenuto in Aula. Occorrere parlare delle politiche per le famiglie, che si fanno carico dei bambini e degli anziani e hanno bisogno di essere aiutate. La mozione, invece, vuole individuare una data per celebrare la festa della famiglia naturale, e peraltro una festa della famiglia già c’è, ma non è chiaro cosa intenda esattamente la maggioranza con tale definizione.
L’articolo 29 della nostra Costituzione, nell’intento dei nostri padri costituenti, definisce il concetto di famiglia come preesistente alla legge e non vieta il riconoscimento di altri tipi di famiglie. Aldo Moro, democristiano, nutriva una concezione della famiglia razionale e non naturalistica, enfatizzando come essa sia esposta alla mutabilità dei tempi. Se si vuole istituire la festa della famiglia naturale, allora va fatto nel senso che la nostra Costituzione spiega, ovvero una festa che celebri ogni tipo di famiglia. Ciò che è chiaro è che il Consiglio ha votato una mozione del tutto strumentale e priva di effetti pratici.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>