Expo: tenere alta la guardia, Maroni riferisca subito in commissione Antimafia

manetteMani“Ribadiamo la nostra piena fiducia nel lavoro della magistratura. A noi interessa che Expo possa andare avanti. Ma andare avanti bene, con la massima garanzia sulla trasparenza degli appalti per evitare infiltrazioni della criminalità organizzata ma anche di lobby affaristiche di vario genere. E’ necessario tenere alta la guardia. Le istituzioni devono remare nella stessa direzione per far sì che nell’ultimo anno degli appalti e delle procedure Expo sia garantita la massima regolarità. Non possiamo ammettere errori”.

Lo afferma Alessandro Alfieri, segretario regionale del Partito Democratico lombardo,  dopo la notizia degli arresti effettuati nell’ambito di un’inchiesta su presunti episodi di turbativa d’asta e corruzione legati a Expo.

Gian Antonio Girelli, presidente della commissione speciale Antimafia, ha subito scritto al presidente Maroni per chiedergli di venire in commissione a riferire su quanto sta accadendo e sul futuro dell’esposizione.

“Quello che è emerso dalle audizioni promosse dalla commissione Antimafia rischia di non essere conseguente a quanto la magistratura e le autorità inquirenti stanno facendo venire alla luce. Non nascondo l’imbarazzo di aver ascoltato in Commissione esponenti tecnici poi direttamente coinvolti nelle vicende giudiziarie”, ammette Girelli e per questo chiede a Maroni “la disponibilità a intervenire a una nostra seduta per avere direttamente dal presidente tutte le informazioni e gli approfondimenti riguardo le preoccupanti notizie su Expo, con l’obiettivo di approfondire e conoscere le situazioni in modo corretto e non tramite la cronaca giornalistica”.

E, aggiunge Girelli, “penso possa essere anche l’occasione per definire il ruolo che può svolgere la commissione Antimafia nel contribuire a garantire trasparenza e correttezza nella gestione della Regione al servizio dell’istituzione, ma ancor di più delle cittadine e dei cittadini lombardi. Ora attendo una risposta dal presidente Maroni”.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>