Qualche barriera in meno per i disabili

disabiliE’ stata approvata, nonostante il voto contrario di parte della maggioranza, una mozione del PD sulle risorse per l’abbattimento delle barriere architettoniche, che chiede un adeguato stanziamento di bilancio perché siano finanziate tutte le le richieste ammesse, a partire dal 2012.

Fino al 2012, infatti, la Regione Lombardia aveva destinato un ampio capitolo di bilancio per il concorso alla spesa dei privati, in particolare nel periodo 2010-2013 l’impegno economico annuo era di 9 milioni di euro. Questo capitolo è drasticamente diminuito a partire da quest’anno, quando la Giunta ha ritenuto di avviare una misura di intervento “sperimentale” pari a circa il 55% in meno, che non basterà a finanziare tutte le domande di contributo che perverranno nel 2014, né tanto meno quelle già pervenute negli anni precedenti.

Qualche numero: in Lombardia ci sono 380mila anziani non autosufficienti, 310mila disabili, di cui 26mila minori, 38mila disabili gravissimi di cui 5000 minori.

“L’intervento sulle disabilità è prioritario – ha detto Marco Carra, primo firmatario del documento – La Giunta non può quindi trincerarsi dietro alla diminuzione delle risorse.  Dato che il numero delle persone non autosufficienti è elevatissimo e interessa decine di migliaia di famiglie lombarde, con la nostra mozione, abbiamo impegnato la Giunta ad intervenire con immediatezza garantendo il pieno finanziamento di tutte le domande ammesse ma non ancora soddisfatte a causa della riduzione di copertura finanziaria”.

Migliorare la vita dei diversamente abili e tutelare il loro diritto a muoversi in uno spazio adeguato

“Va inoltre previsto per i prossimi anni – ricorda Carra – un adeguato stanziamento di bilancio al fine di soddisfare le richieste di contributo per il superamento di tutte le barriere architettoniche in edifici privati per permettere alle persone diversamente abili di potersi muovere liberamente nello spazio costruito e avere una vita autonoma anche se hanno scarse capacità motorie”.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>