Qualità dell’aria, ecco quali temi chiediamo di approfondire

AriaLa qualità dell’aria in Lombardia è leggermente migliorata negli ultimi mesi. Ma molto ha fatto il meteo, con il clima invernale mite e le abbondanti piogge. Lo ha reso noto l’Arpa, l’Agenzia regionale per l’ambiente, ascoltata in audizione in Commissione Ambiente del Consiglio regionale.
L’incontro era stato chiesto da Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd e capogruppo in Commissione, che al termine dell’illustrazione da parte dei tecnici dell’agenzia, ha posto altri quesiti cui verrà data risposta in una prossima seduta.

 

Ecco quali sono i punti che il Pd chiede di approfondire:

  • Il dato sui giorni di funzionamento delle centraline, diviso per provincia, almeno degli ultimi tre anni e chi deve provvedere alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle stesse e, nel caso, alla sostituzione di quelle obsolete.
  • L’impegno di Arpa per rendere pubblici i dati dell’inquinamento dell’aria dell’anno precedente entro il febbraio dell’anno in corso, dati che devono essere accompagnati da proposte di azioni concrete per migliorare la qualità dell’aria già a partire dalla stagione dell’anno in corso.
  • Chi sono coloro che definiscono le aree critiche e se non si ritiene necessario inserire tra queste anche quelle zone che negli ultimi anni in modo continuativo hanno registrato livelli simili o superiori a quelli rilevati in zone già oggi definite critiche (ad esempio, in provincia di Pavia le zone della Lomellina attorno a Parona, le zone del Basso Pavese, Sannazzaro de Burgundi).
  • Come viene conteggiata da Arpa la giornata con Pm10 rilevato a 50 ng/mc (micro grammi per metro cubo), cioè esattamente coincidente con il limite previsto di legge.
  • Perché è stato abolito il Bollino Blu sulle automobili.
  • Dopo l’esposizione fatta in Commissione, si chiedono maggiori informazioni sull’apporto della combustione della legna all’inquinamento dell’aria per Pm 10 e Pm 2,5 e quali azioni concrete possono essere attivate da subito per ridurre questo impatto, che non sia solo determinato da generici divieti.

Nell’audizione è stato fatto riferimento a un progetto per lo studio degli inquinanti nella zona di Parona, in Lomellina: si vuole conoscere, attraverso una scheda di aggiornamento, il progetto.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>