Indagine su Stamina, ancora troppe risposte inevase

staminaRisposte ancora inevase, anche dal direttore generale degli Spedali Civili di Brescia, incontrato oggi  in occasione della seconda seduta dell’indagine conoscitiva su Stamina. Secondo i consiglieri del Pd che l’hanno l’hanno chiesta, infatti, restano elusi diversi interrogativi dopo le prime audizioni svolte.
A giudicare da queste prime audizioni non abbiamo ancora avuto le necessarie risposte per far luce sui costi e sulle ripercussioni che la vicenda Stamina sta imponendo alle casse pubbliche, di cui,  le spese giudiziarie sono solo una quota. Entrando nel dettaglio non ci è stato risposto né in merito all’esistenza di uno specifico DRG predisposto da Regione Lombardia per pagare le prestazioni inerenti al metodo, né sul fatto che queste infusioni possano essere considerate effettivamente cure compassionevoli.
Restano da capire le ricadute sull’ospedale visto che non sembra che il presidio avesse tutti i requisiti per attivare questo genere di cure. Inoltre appare inquietante la scoperta, a distanza di tempo, della presenza di una biologa di Stamina Foundation che ha operato per mesi in un ospedale pubblico in assenza di iscrizione all’albo e dunque dei requisiti minimi richiesti per legge, nonché il clima di assoluta non trasparenza e inspiegabile segretezza che hanno caratterizzato l’erogazione delle cure finché non è stata forzatamente interrotta. La nostra priorità resta quella di garantire che la sanità regionale abbia operato nell’interesse dei cittadini.

Sara Valmaggi e Gian Antonio Girelli, consiglieri regionali del Partito Democratico

1 comment

  1. Pingback: Indagine Stamina, primi passi in avanti. Ma Bresciani diserta | BlogDem




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>