Lavoro, salute, casa e territorio: le nostre proposte per un bilancio migliore per i cittadini

L’introduzione del reddito minimo di cittadinanza, il finanziamento della legge per i contratti di solidarietà voluta dall’opposizione, il finanziamento delle politiche per la casa per fare fronte allo stato prefallimentare di Aler Milano. Sono alcune delle proposte che il Pd avanza in vista della discussione del bilancio regionale 2014 e sul quale ha depositato una cinquantina di emendamenti.
La Regione deve affrontare i nodi centrali della crisi che i cittadini stanno vivendo, deve dare risposte e stare accanto a chi incontra maggiori difficoltà. Il bilancio 2014 deve saper dare risposte straordinarie all’altezza di una fase straordinaria. In quest’ottica vogliamo sperimentare il fondo per il reddito minimo di cittadinanza, dedicato a quelle persone che sono espulse dal mondo del lavoro e per le quali non esistono più nemmeno gli ammortizzatori sociali. Per il lavoro ci siamo impegnati a far approvare la nostra proposta, condivisa con le opposizioni, di fare una legge lombarda per finanziare i contratti di solidarietà a vantaggio dei lavoratori delle aziende in crisi, in alternativa alla cassa integrazione, e ci siamo riusciti. Ora occorre finanziare adeguatamente quello strumento, per questo proponiamo di portare la dotazione da due a cinque milioni di euro. La revisione dei ticket è da anni il nostro cavallo di battaglia e ora l’amministrazione Maroni annuncia di voler intervenire, ma non è più tempo di parole, attendiamo i fatti.


Ecco le proposte del PD
:

1)  Il Lavoro
Su questo tema proponiamo due iniziative:
a)   Il finanziamento dei “contratti di solidarietà”, una nostra proposta di legge che arriverà in aula il 18 dicembre, con una norma finanziaria dei 2 milioni sulla quale chiediamo di apportare altri 5 milioni;
b)   la costituzione di un fondo per il “reddito minimo di cittadinanza” (10 milioni) sulla scorta di quanto appena deciso dai tedeschi nell’accordo per il Governo.

2)  La Salute
a)   Abbiamo finalmente ottenuto che l’Amministrazione regionale convenisse con le nostre proposte di esenzione dai ticket per le fasce di reddito più basse e la loro rimodulazione secondo il reddito, ora vogliamo i fatti, esenzione su tutti i ticket regionali, sui farmaci, sulle visite e sugli esami, fino a 30mila euro e da quella soglia rimodulazione per reddito;
b)   Adeguamento con 10 milioni aggiuntivi per il fondo sociale regionale destinato agli interventi sociali dei comuni.

3)  La Casa
L’emergenza abitativa sta diventando esplosiva nell’intera regione e nell’area metropolitana sta superando il livello di guardia, sia per la distratta gestione di Aler e Regione, sia per l’incremento della morosità involontaria.
Bisogna intervenire con un programma straordinario sulla casa che affronti le due questioni:
a)   L’offerta di nuovi alloggi deve essere sostenuta maggiormente, e il Pd propone un aumento del fondo per le politiche abitative di 50 milioni;
b)   il fondo per il sostegno degli affitti deve essere incrementato di 5 milioni da destinare ai morosi involontari.

4)  Il Territorio
Va segnalata l’urgenza di una messa a sistema del trasporto pubblico che risponda alle esigenze dei pendolari con investimenti significativi sulla rete, sul materiale e sulle tariffe. Noi abbiamo già presentato un progetto di legge sulle stazioni ferroviarie come nodo di interscambio per 10 milioni. In bilancio proponiamo che si stanzino:
a)   5 milioni per le piste ciclabili e l’attrezzatura di bike sharing;
b)   5 milioni per la gestione associata dei comuni;
c)   5 milioni per i contratti di fiume per il ciclo idrico;
d)   2 milioni per i parchi regionali.

Una particolare sottolineatura è stata fatta al contrasto della criminalità con una richiesta di risorse per 2 milioni per la messa a disposizione a fini sociali di beni confiscati alla mafia e ulteriori misure per la sicurezza.
Altri temi toccati dai nostri emendamenti riguardano, il sistema museale e bibliotecario regionale, l’associazionismo, i gemellaggi, le borse di studio universitarie, i campeggi socio-educativi, il volontariato, gli oratori.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>