Consumo di suolo, cosa si muove in Regione: il video della diretta web

Nuovo appuntamento con le nostre dirette web. Mercoledì 9 ottobre abbiamo parlato di consumo di suolo con Jacopo Scandella e Fabio Pizzul. È stata l’occasione per parlare dei progressi del gruppo di lavoro sulla riforma delle legge 12 e presentare la nostra iniziativa “Là dove c’era l’erba: una foto per dire stop al consumo di suolo“.

Rivedi le altre dirette web

4 comments

  1. Claudio Cristofori 9 ottobre 2013 at 07:00 -

    Buongiorno, sono Ass.re all’urbanistica di Ronco Briantino, che come forse saprete ha deciso di prevedere nel PGT nessun ulteriore consumo di suolo, dichiarato in campagna elettorale e poi attuato e applicato.
    La mia proposta è ipotizzare, anche per rilanciare il comparto edile obiettivamente in ginocchio, di promuovere il recupero di ambiti già edificati abbattendoli, così come previsto dalla LG 12.
    Riconoscendo ai costruttori il recupero dei costi dovuti al trasferimento delle macerie e ai maggiori costi in generale dovuti da questa prassi, come? Costituendo un fondo regionale a tale scopo, così da salvaguardare il consumo di suolo.
    salutiVV

  2. Ho amici del PD, che però lavorano, cosa che nel nostro partito è merce rara, che dicono che la sospensione sui centri commerciali è una boiata. Invece che battaglie di principio non è meglio analizzare caso per caso. Se faccio un centro commerciale in un’area dismessa magari da bonificare, come alcuni di questi casi, non pensate che sia una cosa positiva? Faccio anche lavorare magari un settore che è in ginocchio… E invece con questa sospensione fino a fine anno tutto bloccato… così con il piffero che riparte l’economia…. Quindi secondo me meno ideologia e un di più di regole puntuali che non siano slogan vuoti ma concretezza amministrativa….

  3. Oscar Pattaro 9 ottobre 2013 at 08:52 -

    Salve, colgo con un po’ di perplessità il post che mi precede… laddove venga previsto come approccio pedissequo ed indiscriminato. Oltre tutto mi pare di ricordare che proprio il comune di Ronco Briantino sia dotato di un documento direttore del centro storico di PRG , di tutto rispetto e citato come esempio in più di un testo universitario… Per avvalorare uno stop concreto al CONSUMO DI SUOLO, credo sia utile non trascurare mai un rimando costante alla cultura della TUTELA, RECUPERO E RIUSO del patrimonio edilizio esistente in modo mirato e “contestualizzato”, Rischiare di disperdere il patrimonio edilizio storico civile, rurale o industriale, afferente all’architettura definita “minore” (tutelata ex lege) sarebbe un delitto tale e quale a quello di disperdere per sempre edifici e complessi soggetti a vincoli , anche nelle loro accezioni simboliche, antropologiche e culturali. Altresì ritengo indispensabile rafforzare l’approccio alla MANUTENZIONE degli edifici, sostenuta da politiche di defiscalizzazione.
    Citando il Filarete (Antonio Averlino) infatti “… l’edificio è simile ad un uomo vivo che si ammala e muore ma può anche guarire se curato da un buon medico. E come un uomo si ammala se non mangia, lo stesso modo le fabbriche si degradano se prive di manutenzione”. Lo diceva già nel suo trattato di Architettura del 1464… il problema vero quindi è incentivare e dare forte impulso alle svariate compentenze e tecnologie, anche innovative, che si possono innescare attraverso un processo multidisciplinare, mirato al recupero dell’esistente (se non privo di effettivo valore, fatiscente e irrimediabilmente compromesso), pensato per durare, Le modalità? Mi permetto di segnalarvi questi due link che ritengo molto esaustivi e concreti.
    1)
    http://www.inu.it/wp-content/uploads/Campos_Rigenerazione_vs_espansione.pdf e, per una rapida sintesi..
    2) http://www.verdiananetwork.com/verdiana_v1/index.php?option=com_content&view=article&id=152:areedismesse&catid=67:metropoliecittainmovimento&Itemid=100024

    Buon lavoro e grazie per il vostro impegno.
    Saluti




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>