Cibo, tra necessità e desiderio. Cinque incontri in Lombardia verso Expo

expo_lombardiaIn occasione della Giornata Mondiale dell’alimentazione vi proponiamo una serie di incontri in alcuni capoluoghi di provincia e non solo, dedicati alla “sostenibilità alimentare”.
Sullo sfondo ci sono le grandi domande sulla sussistenza alimentare di un pianeta sempre più affollato, dove la produzione agricola mondiale non riesce già oggi a soddisfare la crescente domanda di cibo e la malnutrizione ri-guarda milioni di donne e uomini. Il cibo come “necessita” non è infausta prerogativa dei soli paesi emergenti ma anche dell’Europa, dove la crisi economica ha riportato prepotentemente in luce la questione dell’autosufficienza alimentare.
Alimentazione e cibo sono uno specchio formidabile per una lettura politica della nostra società e della sua economia. L’industria alimentare italiana, già saccheggiata dagli investitori stranieri a caccia di marchi prestigiosi, cresce grazie alle esportazioni, che solo nel 2012 hanno totalizzato 25 miliardi di euro. L’ennesima conferma di come la qualità delle nostre produzioni unite ad un “brand” unico al mondo rappresentino una straordinaria risorsa da preser-vare e sviluppare.
L’altro lato della medaglia evidenzia la crisi dell’agricoltura, settore che in Lombardia ha visto scendere il numero delle imprese di oltre 20 mila unità in dieci anni, e una riduzione della SAU scesa sotto l’emblematica soglia di 1 milione di ettari. Una parabola che ci interroga su diversi fronti, dal rapporto città campagna, al ruolo della Politica Agricola Comunitaria, dalla sostenibilità ambientale a quella economica.
Appare oggi necessario ridefinire un modello italiano di filiera agroalimentare in grado di tenere insieme il reddito delle aziende agricole, la qualità dell’industria, la creatività applicata alla produzione del food e la difesa della cultu-ra e delle tradizioni legate al cibo.

>>> SCARICA E FAI GIRARE ANCHE TU IL PROGRAMMA

>>> L’INCONTRO A BRESCIA

>>> L’INCONTRO A LODI

>>> L’INCONTRO A MILANO

>>> L’INCONTRO A CREMA

>>> L’INCONTRO A MANTOVA

Il “desiderio” è la nostra frontiera, perché è essenziale cogliere l’occasione di EXPO 2015 per offrire al mondo un “Made in Italy” alimentare che sia un punto di riferimento imprescindibile per qualità e appeal. A questo affianchia-mo l’idea che a Milano nel 2015 si giunga ad approvare una “Carta mondiale della nuova agricoltura”, una sorta di Protocollo di Milano, in grado di sintetizzare i temi dell’agenda dell’Italia, dell’Europa e del mondo intero, per ri-lanciare un nuovo modello che dia risposte concrete ai cambiamenti globali e agli obiettivi del millennio promossi dalle Nazioni Unite.
Sono prospettive strategiche e di ampio respiro a cui saranno invitati a portare il loro contributo esperti, docenti uni-versitari, consiglieri regionali, operatori del settore e quanti vorranno essere partecipi.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>