Acqua e rifiuti: si modificano tre leggi senza una discussione approfondita

olonaUn documento che riscrive alcune regole in materia di rifiuti, gestione delle acque e osservatori ambientali. E’ quello che la maggioranza di centrodestra che governa Regione Lombardia sta per portare al vaglio del Consiglio regionale dopo la discussione in Commissione Ambiente.
Come PD ci siamo astenuti perché siamo rimasti delusi sulla parte di legge che riguarda il deflusso minimo vitale: ci aspettavamo che fosse più risolutivo, invece è una risposta timida ai grandi problemi dello sfruttamento dei nostri corsi d’acqua, che ci vengono rappresentati spesso anche in audizione. E la questione è piuttosto sentita, viste le 26mila concessioni di captazioni idroelettriche in essere la cui durata è trentennale.
Proprio poco prima, la Commissione aveva ascoltato il Comitato per le centraline idroelettriche sull’Oglio, nel tratto della Valcamonica, che ha sottolineato, con tanto di immagini e dati, come sul fiume e, soprattutto, sui suoi affluenti, lo sfruttamento sia tale che rimangono completamente in secca per anni. E il punto è sempre su come e quanto si intenda il cosiddetto ‘deflusso minimo vitale’.
Oltre tutto, il progetto di legge che ci viene sottoposto non tiene conto degli altri usi cui sono destinate le captazioni, da quelli agricoli a quelli industriali. Quindi, il tema va senz’altro affrontato in maniera più ampia e lo diciamo da tempo: tutto ciò che riguarda l’acqua, ha necessità di una legge più organica, mentre la scelta di modificare altre norme non va verso una semplificazione. L’astensione è stata decisa anche perché questo provvedimento, una sorta di collegato ordinamentale che modifica tre leggi, si colloca all’interno di un dibattito ancora aperto. Quindi, ci auguriamo che alcune criticità siano superate in Aula. Per esempio l’emendamento sulla modifica del Piano rifiuti che è stato votato senza una discussione approfondita, soprattutto sul tema dei bacini.

Laura Barzaghi e Giuseppe Villani, consiglieri regionali PD




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>