Retribuzioni dirigenti: bene riduzioni stipendi, ma non con la demagogia della Lega

palazzo lombardiaUna spending review sulla macchina regionale è necessaria, a partire dalle segreterie e dai consulenti di presidente e assessori e dal sistema delle partecipate, ma l’iniziativa della Lega desta qualche dubbio. Bene la riduzione dei costi e degli stipendi più elevati, ma tagliare indistintamente la retribuzione di risultato di tutti i dirigenti appare molto demagogico e certamente poco logico. Si abbia il coraggio di giudicare con criteri oggettivi e sulla base dei risultati raggiunti, anziché fare un semplice taglio lineare che prescinde dal merito.
In Consiglio regionale esiste un gruppo di lavoro che ad ottobre interverrà sui costi dell’Istituzione regionale dando seguito a quanto previsto nell’ordine del giorno, presentato da noi e votato all’unanimità dall’Aula, che chiede di rivedere il tetto massimo delle retribuzione per i dirigenti regionali e del sistema regionale parametrandoli in base agli standard previsti dalla legislazione nazionale. Il protagonismo della Lega e della lista Maroni sembra avere ragioni molto mediatiche.

Alessandro Alfieri ed Enrico Brambilla, capogruppo e vice capogruppo del Pd in Consiglio regionale




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>