I primi 100 giorni della giunta di Maroni: insufficienza piena

Il bilancio dei primi cento giorni della giunta Maroni non è positivo: la svolta promessa non c’è stata, il nuovo corso è la continuazione di quello formigoniano. Si sono solo invertiti i rapporti di forza, da PDL Lega a Lega PDL. In sintesi:
-  hanno approvato un piano regionale di sviluppo in continuità con Formigoni
- sanità: avevano promesso di abolire i ticket, ma ne hanno introdotti di nuovi sulle prestazioni specialistiche su cui hanno dovuto fare marcia indietro
- nomine: continua la logica spartitoria e le competenze sono un criterio secondario, vedi i casi di Simini e Abelli
- nemmeno la macroregione fa passi avanti, non un solo atto è stato compiuto in quella direzione

I provvedimenti assunti dalla giunta non sono incisivi. Fino ad ora sono state approvate solo quattro leggi: a parte quella sui costi, uscita da un confronto tra le forze politiche e che non tocca i costi della Giunta, sono state approvate una una proroga di un anno (PGT), una è una moratoria di sei mesi (centri commerciali), l’altra è un prolungamento di commissariamenti fino a fine anno (ALER). Le ultime due rimandano a future approvazioni di altre leggi. Non proprio una partenza da Formula Uno.

Le proposte del PD
La vera svolta in Lombardia parte da quattro azioni su cui il PD ha proposte già sul tavolo: la riforma dei ticket sanitari in senso proporzionale al reddito e con esenzioni fino a 30mila euro; contributi alle imprese non dispersi in mille rivoli, com’è ora, ma concentrati su pochi bandi, semplici, accessibili e poco burocratizzati, con una quota riservata alle piccole e medie imprese; un rimborso a tirocinanti e praticanti di 400 euro al mese e servizi per l’impiego premiati in base alla capacità di trovare lavoro, non sul numero di corsi attivati; una legge per fermare il progressivo e inesorabile consumo di territorio; più risorse per i comuni attraverso il patto di stabilità territoriale, per liberare risorse in favore delle piccole e medie imprese lombarde e migliorare i servizi dei comuni. Su questi temi sfidiamo Maroni

>>> Guarda anche: Il video della conferenza stampa

>>> Leggi anche il documento: I primi centro giorni di Maroni

4 comments

  1. Pingback: C’è davvero poco da festeggiare | BlogDem

  2. Pingback: Da Maroni nessuna discontinuità con Formigoni. Ecco invece le nostre proposte | BlogDem

  3. Pingback: La rabbia di Maroni per i suoi primi 100 giorni | BlogDem

  4. Pingback: Eredità pesanti ed equivoci da chiarire | BlogDem




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>