Riforma Aler: la mozione condivisa è un buon punto di partenza

“Lo riteniamo un buon punto di partenza”. Con queste parole il consigliere regionale del PD Onorio Rosati, primo firmatario della mozione del Pd, commenta l’approvazione a maggioranza (ad eccezione del gruppo dei 5 stelle) della mozione condivisa di riforma delle Aler in Consiglio regionale.

Oggi si sono poste le basi per iniziare un percorso di riforma per affrontare la doppia necessità di modificare il sistema Aler, insufficiente a soddisfare il crescente bisogno di edilizia residenziale pubblica, e far fronte alle molteplici criticità oggi esistenti tra i quali il mancato finanziamento del fondo affitti e l’ aumento del canone d’affitto che, in ragione della crisi, ha prodotto un aumento della morosità incolpevole.
Prendiamo atto della proposta della Giunta: la nostra idea di riforma va nella direzione opposta. Ribadiamo la nostra contrarietà alla costituzione di un’agenzia unica, auspichiamo una riforma che razionalizzi il numero delle agenzie attraverso possibili accorpamenti, rispetto alle attuali 13, che consideri la specificità dell’area metropolitana e il crescente fabbisogno abitativo.
Il testo approvato in Aula prevede che si arrivi ad un progetto di legge di riforma entro il 31 dicembre prossimo. Ci auguriamo che si arrivi ad un testo condiviso non solo tra le parti politiche ma che veda il pieno coinvolgimento delle istituzioni locali e della rappresentanza degli inquilini.

3 comments

  1. Pingback: No ad una sola ALER, sarebbe solo un nuovo carrozzone regionale

  2. Pingback: No ad una sola ALER, sarebbe solo un nuovo carrozzone regionale | Onorio Rosati

  3. Pingback: Aler: bene l’approvazione della legge, male la rimozione del criterio della laurea | BlogDem




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>