Quote latte: sempre collegamento fra Lega e quel gruppo di allevatori. Ma il PD votò contro

La perquisizione della Guardia di Finanza nella sede della Lega Nord, a Milano, nell’ambito dell’inchiesta sulle quote latte, riporta al centro dell’attenzione una vicenda che aveva visto il Pd schierarsi in Aula contro una scelta sostenuta solo dalla Lega.
C’è sempre stato un collegamento fra la Lega e quel piccolo gruppo di allevatori che, nonostante tutte le opportunità offerte dalla legge, non si sono mai messi in regola con il saldo delle somme dovute allo Stato e all’Europa per lo sforamento dei limiti di produzione del latte loro assegnati. (Leggi anche: E Renzo Bossi diceva: “Ci pensa papà”).
Carroccio che, con Umberto e Renzo Bossi in testa, ha sempre dato legittimità politica a questi ritardi nei pagamenti, mettendo in difficoltà quegli allevatori che prima o poi ne avrebbero pagato le conseguenze. Far credere che non sarebbe mai arrivato il momento di chiudere i conti e che tutto sarebbe stato risolto con una sanatoria, ha comportato solo un rinvio del pagamento.
Eppure  era stato abbastanza chiaro fin dai primi tempi che la cattiva politica della Lega avrebbe mietuto le sue vittime. A luglio 2010, noi del Pd portammo in Consiglio regionale un ordine del giorno, in fase di assestamento di bilancio, che chiedeva al presidente Formigoni di fare il possibile per cancellare dal maxiemendamento del Governo la proroga per il pagamento delle multe per le quote latte. Ebbene, quella richiesta, grazie anche al fatto che chiedemmo il voto segreto, passò a maggioranza, 39 favorevoli e 25 contrari. Quindi, fu d’accordo con noi anche il Pdl. Solo la Lega ha insistito in questi anni nella sua posizione.

Fabrizio Santantonio, consigliere regionale del Pd

1 comment

  1. Pingback: Quote latte: un danno da 4,5 miliardi di euro targato Lega Nord




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>