Grazie a Pdl e Lega la legislatura si chiude con un provvedimento a rischio illegittimità

La nona legislatura regionale si è sostanzialmente chiusa oggi con l’approvazione in Aula del Collegato ordinamentale 2013. È un atto che non abbiamo condiviso, in primo luogo perché predisposto in fase di ordinaria amministrazione (dovuta allo scioglimento anticipato del Consiglio) al fine di aggiustare alcuni problemi amministrativi come l’inefficienza della legge urbanistica.
Chiudiamo una legislatura sfortunata in maniera pasticciata con un provvedimento a forte rischio di illegittimità. In questi anni si sono sommati errori di merito a scelte inappropriate dal punto di vista della tecnica legislativa, con provvedimenti spesso impugnati e anche dichiarati illegittimi che hanno aggiunto confusione e non hanno semplificato la vita dei cittadini e delle imprese.
L’unico effetto condivisibile era la deroga dei termini per l’approvazione del piano di governo del territorio per i comuni del mantovano colpiti dal terremoto, mentre quello che risulta palese è il fallimento della legge urbanistica regionale, visto che a sette anni dall’approvazione oltre 400 comuni non sono stati in grado di attuarla. È la prova che è una cattiva legge che meriterà nella prossima legislatura un’attenta revisione.

Enrico Brambilla, consigliere regionale Pd

2 comments

  1. Una buona notizia si ferma la cementificazione e si lavora sull’esistente. Tutti quei paesi che non hanno approvato il PGT, nonostante tutto il tempo a loro disposizione si meritano di andare a casa perchè non in grado di governare.

  2. Pingback: E’ tempo di auguri. Anche, anzi, soprattutto per la Lombardia




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>