Trasporti: basta con la politica degli annunci. I risultati non ci sono e i problemi restano

Ho visto con quanta enfasi è stata presentata alla stampa la stipula del nuovo contratto di servizio tra Trenord e Regione Lombardia e mi domando quando si metterà fine a questa politica degli annunci, imbastita con tanti faremo e vedremo, e si passerà veramente ad una politica dei risultati.
Gli investimenti annunciati ieri in conferenza stampa sono gli stessi annunciati un anno fa, ma nonostante le tante promesse da allora nulla è cambiato: il servizio ferroviario regionale è rimasto sotto i livelli di soglia con indici di puntualità insufficienti.
Conosco da pendolare le inefficienze. Un esempio concreto sono i treni della direttrice Milano – Cremona: da settimane i treni di ritorno da Milano per Cremona e Mantova sono perennemente in ritardo, in particolare il treno 2661 delle 18.20 e il 2663 delle 19.15. Questa mattina, inoltre, il treno delle 7.26 della linea Treviglio – Cremona è stato soppresso a Casaletto Vaprio costringendo pendolari e studenti a cercare passaggi improvvisati per giungere a Crema in mancanza di un mezzo pubblico alternativo. Sempre stamane il treno in partenza da Lambrate delle 7,16 segnava un ritardo di 30 minuti dovuto ad un guasto tecnico.
Questa è la vita di un pendolare cremonese che quotidianamente deve dimenarsi tra ritardi ed inefficienze. Ieri sono stati annunciati 240 milioni di euro per il rinnovamento del parco treni e l’immissione di nuovi convogli. Mi auguro vivamente che, vista l’urgenza, le linee del quadrante Sud Lombardia non vengano snobbate ancora una volta come è troppo spesso accaduto.

Agostino Allon, consigliere regionale del Pd




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>