Serve una svolta: voto anticipato. Chiediamo a PDL e Lega di dare le dimissioni con noi

La vicenda del Lazio è diversa dalla quella lombarda, ma il punto di fondo è lo stesso: la corretta gestione di ingenti risorse pubbliche. La vicenda della presidente Polverini dimostra ancora una volta che prima delle eventuali responsabilità penali si devono affrontare senza reticenze le proprie responsabilità politiche.
Nel caso lombardo stiamo parlando di enormi risorse pubbliche mal gestite in campo sanitario e non solo, con finanziamenti non controllati e contributi milionari per progetti sperimentali persino ridicoli. Come non vedere che in Lombardia abbiamo bisogno di una scossa? Come non vedere che non si può tirare a campare così nello sfaldamento del rapporto tra politica, istituzioni e cittadini? §
Formigoni non può fare finta che in Lombardia nulla sia accaduto. Serve una svolta subito. Per questo abbiamo chiesto e chiediamo il voto anticipato e per questo settimane fa abbiamo presentato la mozione di sfiducia al presidente.
Ora continuiamo la nostra battaglia: chiediamo ai consiglieri di PDL e Lega di rassegnare le dimissioni con noi. Le nostre sono già nella disponibilità del capogruppo Pd. Non ci sfugge che comunque le opposizioni unite da sole non hanno i numeri sufficienti per far decadere il Consiglio. Per questo ci rivolgiamo alla Lega delle scope di Maroni e a quanti nel PDL soffrono una situazione sempre più intollerabile.
Noi ci siamo. Battano un colpo, prendano anche loro l’iniziativa senza ripiegare in un assordante silenzio.

Maurizio Martina, segretario PD Lombardia

 




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>