Più donne in Regione? Facciamo la nuova legge elettorale

Più donne in giunta rispetto a quante sono state elette in Consiglio. E’ la difesa del presidente della Regione all’accoglimento da parte del Consiglio di Stato, avvenuto ieri a Roma, del ricorso promosso da tre associazioni femminili contro una Giunta troppo poco rosa, in contrasto con quanto prevede lo Statuto regionale.
Noi non ci stanno. Se Formigoni avesse voluto più donne in Consiglio regionale avrebbe potuto candidarne di più nel suo listino, dove invece su sedici nomi hanno trovato posto solo due rappresentanti del genere femminile: Nicole Minetti e Monica Rizzi, peraltro per ordini superiori.
Il presidente ha un modo per dimostrare davvero di aver acquistato maggior sensibilità in materia, può finalmente invitare la sua maggioranza ad approvare una nuova legge elettorale regionale che, come noi abbiamo proposto da tempo, abolisca il listino bloccato e preveda la doppia preferenza uomo donna. In questo modo in Consiglio ci sarebbero sicuramente più donne, e tutte elette grazie al voto popolare.

Sara Valmaggi, Pd-vicepresidente del Consiglio regionale e Arianna Cavicchioli, consigliere regionale PD




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>