Revisione delle norme per le cave, serve una nuova legge

È iniziata in Commissione Ambiente la discussione sulle nuove norme che dovranno regolare l’attività di cavazione in Regione Lombardia. In realtà, si tratta di una revisione della legge già esistenti, la 14 del 1998, che tuttavia, secondonoi, va completamente riscritta e non solo “aggiustata”.
Abbiamo ascoltato la dettagliata presentazione della proposta della Giunta Da parte dell’assessore regionale all’Ambiente Colucci, ma questo è stato solo un avvio della discussione che deve portare al provvedimento definitivo. Serve, lungo tutto l’iter, un chiaro e approfondito confronto sul campo. E comunque noi siamo convinti che sia necessario un nuovo progetto di legge, non basta cioè un adeguamento della 14. Ciò perché la situazione è talmente cambiata che qui non si tratta più di limitarsi a regolare l’esistente: va tutto ripensato in una nuova chiave. Il punto di partenza è condiviso, ma per cominciare un nuovo lavoro.
Inoltre, se gli enti locali, nella proposta della Giunta, hanno un maggior ruolo, devono avere quindi anche maggiori strumenti. Ma ha anche la stessa commissione deve contare di più dentro l’iter decisionale, mentre ora è lasciata un po’ ai margini, come pure il Consiglio regionale.
Al termine della seduta si è deciso di dilazionare i tempi per la discussione in Consiglio regionale, fissata in un primo tempo a metà luglio. Sarebbe stata una data troppo ravvicinata per poter approfondire in modo adeguato e arrivare a una sintesi delle tre proposte di legge nate dai gruppi consiliari con quella della Giunta.

Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd

1 comment

  1. Pingback: Piano cave: ripresentato il nostro progretto di legge




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>