Boni, comportamento imbarazzante: presidente la Giunta che dice alla mozione per le dimissioni

La riunione della Giunta del regolamento di questa mattina si è chiusa con una votazione che ha visto Pdl e Lega confermare la decisione assunta martedì in Consiglio regionale dal vicepresidente Carlo Saffioti, ovvero che la mozione con cui le opposizioni chiedevano a Boni di lasciare l’incarico di presidente non è ammissibile.
Il comportamento del Presidente del Consiglio durante la seduta è stato imbarazzante. Boni ha compiuto una grossa forzatura costringendo la giunta per il regolamento a votare su una questione che per ammissione anche di componenti di maggioranza non era di competenza di quella sede. Che l’abbia fatto su una questione che lo riguarda personalmente è ancor più grave, e ci conferma nella convinzione che, a tutela dell’istituzione e di se stesso, è necessario che Boni rinunci all’incarico. Per sollecitarlo in questa direzione già martedì, insieme a tutte le opposizioni, presenteremo un’ulteriore mozione per indurlo alle dimissioni.
Franco Mirabelli, consiglio regionale della Lombardia
Quello che è successo oggi alla riunione della giunta per il regolamento rappresenta l’ennesima forzatura all’equilibrio democratico del Consiglio.
Il fatto stesso che la giunta, luogo peraltro non legittimata a decidere nel merito, sia stata presieduta dal presidente Boni, che si è quindi espresso su una questione  che lo riguardava direttamente,  e che sia stato sempre Boni  a chiedere di votare una relazione del vicepresidente Saffioti, che  sostanzialmente giudicava inammissibile la mozione delle opposizioni,  è un fatto gravissimo, che lede ogni regola democratica.   Si tratta di un atteggiamento inaccettabile. Per questo tutti  i rappresentanti delle opposizioni si sono rifiutati di esprimere un voto non legittimo, uscendo dall’aula.
Lunedì prossimo riproporremo la questione  nell’ufficio di presidenza  e  chiederemo che sia espresso un parere sia dall’ufficio  legale del Consiglio, sia da esperti esterni, che hanno collaborato alla stesura dello Statuto regionale.
Sara Valmaggi, vicepresidente Consiglio Regionale e Carlo Spreafico, consigliere segretario





Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>