8 comments

  1. Apprezzo molto il coraggio della Giunta. Qualcosa andava fatto. Abito in periferia e se fosse per me pedonalizzerei del tutto il centro. Anche perché chi abita in centro è ben servito dai mezzi, ha i posteggi dedicati e ha di norma più soldi per permettersi il pedaggio rispetto a chi abita in periferia. Inoltre paga il pedaggio solo se rientra con la macchina nella cerchia dei bastioni, non se vi esce nè se vi resta all’interno. Tuttavia, certamente, cambiamenti come questi possono modificare le clientele abituali dei negozi che non si trovano nelle vie più turistiche, far disdire qualche affitto di uffici, rovinare chi gestisce parcheggi in centro. E’ possibile accompagnare questa fase di passaggio con qualche provvedimento che aiuti chi dimostri a fine anno di aver ricevuto particolari danni dell’introduzione dell’area C senza depotenziarne l’effetto positivo (es: biglietto ATM gratis ai commercianti di alcune zone del centro più critiche, anche da regalare come omaggio ai clienti)?

  2. Adesso che avete introdotto l’area C, prolifereranno parcheggi fuori dalla cerchia dei bastioni? Mi riferisco in particolare all’area davanti all’attuale parcheggio ATM in zona Forlanini, dove da anni si parla della costruzione dell’ennesimo parcheggio. Tale intenzione resta confermata anche dalla Giunta Pisapia? In che modo eventualmente influirà con la viabilità locale, il parco e la discoteca che sorge proprio in quell’area?

  3. Alberto Avanzi 9 febbraio 2012 at 11:02 -

    Non è strettamente relativo all’area C, ma è pertinente.
    Mentre in centro, giustamente, si cerca di modificare la scelta modale cercando di portare persone dall’auto al mezzo pubblico, in periferia si rischia di sopprimere un’utilissima e utilizzatissima tramvia.
    Sto parlando della Comasina-Limbiate, che serve una popolosa zona (circa sessantamila persone vivono a distanza pedonale da una delle sue fermate) e la collega fra l’altro con il capolinea metropolitano di Comasina)
    E’ quasi esclusivamente in sede propria per cui garantisce velocità commerciali mediamente elevate, ed è utilizzata da settemila passeggeri al giorno
    Questa line è a rischio chiusura, perchè ATM non sta effettuando i lavori di manutenzione ordinaria (in sostanza, la sostituzione di qualche chilometro di linea) che garantirebbero la sicurezza della linea
    Non stiamo parlando di cifre folli, ma di qualche centinaio di migliaia di euro, al più un milione di euro, per il rifacimento dei soli tratti degradati
    Il rischio è che la linea sia chiusa per sempre e sostituita con autobus
    A questo punto che ha un’alternativa passerà all’auto, con conseguente aumento della congestione in un’area già al limite.
    Chi non ha questa alternativa utilizzerà autobus sostitutivi, che ovviamente resteranno intrapolati nel traffico. Con conseguente aumento dei tempi di percorrenza

  4. Solitamente chi chiama e scrive di queste cose è per lamentarsi. Io spezzo una lancia a favore dell’iniziativa perchè basta vedere le grandi città europee. E non si dica la solita litania “è ma là hanno i mezzi che funzionano”. Se non si inizia da qlc parte…. Volevo però chiedere quali altre iniziative e programmi avete per il futuro su questo tema premesso che vi sono mille tipi di mobilità diverse in entrata/uscita da Milano e che la ricetta non può essere lineare? PS: penso che le vecchie ricette ideologico ambientaliste non vadano bene serve piuttosto qualcosa di nuovo…

  5. Area C è un provvedimento che mi piace molto, e cerco spesso di difenderlo dalle critiche di chi è contrario a priori. tuttavia mi trovo in difficoltà quando si paragonano i tempi per raggiungere un determinato luogo con i mezzi con i tempi che si avrebbero in auto.
    difatti, finchè ci si sposta solo con il metrò, si riesce ad avere delle velocità competitive, ma appena si tenta di prendere un tram, ecco che i tempi di percorrenza triplicano.
    di conseguenza ha da fare un appello alla giunta:
    -togliete il divieto d’accodamento fra tram, che fa perdere un sacco di tempo, soprattutto nelle strade dove passano più linee (vedi via broletto)
    -diamo finalmente via all’asservimento semaforico. ma qualcosa di serio, ossia diverso da quanto provato a fare sulla 90/91 con una ridicola quanto inefficace sincronizzazione dei semafori, bensì attivare i sensori già presenti lungo le linee 15, 4, 31 e parte della 90/91 affinchè il semaforo diventi verde poco prima che transiti il tram, in modo che non stia MAI fermo al semaforo (salvo dove è proprio indispensabile). dopodichè installare questo sistema su tutte le altre linee.
    grazie.

  6. Elia Francesco Nigris 9 febbraio 2012 at 17:10 -

    Area C sta funzionando egregiamente, per chi va in centro quotidiamente e` evidente. Ora estendiamo il BikeMI!

  7. L’accodamento dei tram è un’idiozia! magari chi ci viaggia non sa che si chiama così ma capisce bene di cosa si tratta: è la rabbia di arrivare ad una fermata di corrispondenza e non poter cambiare linea perché il tram che devi prendere si muove prima di qullo su cui tu stai arrivando! Idiozia vluta come forma di sicurezza ma assolutamente inutile: toglietela!!!!

  8. Per chi fino a ieri aveva avversato ECOPASS ed oggi lo appoggia in pieno, cambiandogli il nome (ma non la sostanza!).
    Per chi vuole avere aria pulita solo in centro, mentre le periferie sono doppiamente al collasso!!!
    Per chi “se paghi puoi inquinare liberamente”.
    Per chi si ostina a votare centro-destra o centro-sinistra: due facce della stessa medaglia.

    Luca
    http://www.piattaformacomunista.com




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>