No ai ticket sui farmaci e superticket sotto i 30mila euro di reddito (VIDEO)

Dati sui ticket con confronti fra regioni: La compartecipazione sanitaria
L’ordine del giorno
: ORDINE DEL GIORNO

Il video della nostra diretta web

Pensiamo che in Lombardia il peso della compartecipazione sanitaria sia sbilanciato sulle fasce di reddito basse e medio basse della popolazione lombarda. Lo sosterrà in Aula martedì e mercoledì, durante la discussione del bilancio regionale, presentando un ordine del giorno che impegna la Regione a prevedere l’esenzione dal pagamento dei ticket sui farmaci e del superticket sull’attività diagnostica ed ambulatoriale per i cittadini lombardi con un reddito familiare 2011 non superiore a 30mila euro e a introdurre criteri di progressività nella compartecipazione alla spesa sanitaria per i redditi che superano tale soglia.
Secondo il Partito Democratico la situazione di attuale crisi impone un’attenzione maggiore alle fasce di reddito più deboli che, senza l’introduzione di strumenti più equi per la compartecipazione alla spesa sanitaria, rischiano di vedere venire meno il diritto all’universalità e all’equità di accesso alle prestazioni e ai servizi sanitari.
Nel bilancio 2012 i fondi destinati al finanziamento del servizio socio sanitario regionale sono 17 miliardi e 450 milioni di euro circa, di cui 8,6 miliardi per l’assistenza distrettuale, 7,3 miliardi per l’assistenza ospedaliera, 935milioni per l’assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e lavoro e 450milioni euro come saldo di mobilità attiva per i cittadini fuori regione. Rispetto al 2011 c’è un incremento di soli 260 mln di euro (+1,5%), di cui 50 mln di euro per il socio-sanitario.
I conti in ordine della Regione Lombardia sono sostenuti dal cospicuo contributo dei cittadini: attraverso i ticket sui farmaci (da 2 a 4 euro per ricetta), i ticket su visite ed esami (in Lombardia fino a 66 euro per prescrizione), l’addizionale regionale Irpef, che la Regione applica dal 2003. Solo la Regione Lombardia:
• fa pagare i ticket sui farmaci a chi guadagna meno di 12mila euro (solo Lombardia e Veneto non hanno esenzioni sotto i 36mila euro).
• fa crescere l’addizionale regionale Irpef all’1,3% (1,63% dal primo gennaio 2012) già a partire da redditi pari a 15.500 euro.
• (con Veneto e Marche) non esenta alcuna fascia di reddito dal superticket di 10 euro su visite ed esami, che in Lombardia è modulato per prestazione e può costare fino a 30 euro in più. La Lombardia ha anche il massimale più alto, pari a 66 euro, che è pagato anche dai redditi minori, se non esenti per patologia o per l’appartenenza ad alcune categorie specifiche.
Comunque la si giri, in Lombardia i redditi sotto i 36mila euro sono chiamati a contribuire più che nelle altre sei Regioni a statuto ordinario con conti sanitari in ordine (Tosca, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Veneto e Basilicata) e più che nelle Regioni a statuto speciale, anch’esse con i conti in ordine.
Occorre anche considerare che le entrate da ticket farmaceutici sono in crescita costante: quest’anno la Regione incasserà 235 milioni di euro, 36 milioni in più rispetto al 2010, 92 milioni in più rispetto al 2007.
La Regione Lombardia, inoltre, è l’unica ad aver rimodulato il ticket per il valore della prestazione e che quindi prestazioni come la visita specialistica e di controllo, l’elettrocardiogramma dinamico (Holter), o la mammografia bilaterale costano di più che in Emilia Romagna e in Veneto (vedi tabella allegata), per citare due casi che hanno adottato filosofie diverse nell’applicazione del superticket.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>