Comunità di recupero e sostegno, la Giunta non deve togliere le risorse (VIDEO)






Rischiano di essere azzerati non soltanto gli interventi di prevenzione e di reinserimento, ma addirittura anche quelli di prossimità come i vari presidi territoriali in strada, nei luoghi d’incontro e divertimento, i percorsi di formazione e informazione nelle scuole e negli spazi frequentati dai giovani. Stiamo parlando di milioni di euro che sino agli scorsi anni arrivavano dal Fondo nazionale Lotta alla droga e poi, avendo il Governo bloccato i trasferimenti, sono diminuiti drasticamente.
Quest’anno, come dicono i rappresentanti del Coordinamento enti accreditati e autorizzati in Lombardia che hanno manifestato davanti alla sede di Palazzo Lombardia insieme ai consiglieri del Pd Gianni Girelli, Franco Mirabelli, Carlo Borghetti, Mario Barboni e alla vicepresidente CR Sara Valmaggi, la situazione corre il rischio di essere ancora più grave. La cifra che Regione Lombardia destina a prevenzione e cura delle tossicodipendenze attraverso servizi di prossimità e osservatori delle Asl sarà infatti ulteriormente diminuita.
Noi del Pd ci impegniamo a porre il tema in Consiglio regionale la settimana prossima durante le sedute dedicate al bilancio. Chiederemo, attraverso un ordine del giorno, un impegno concreto da parte della Giunta per un problema che non può essere sottovalutato perché riguarda migliaia di soggetti fragili e le loro famiglie.

1 comment

  1. Pingback: Droghe e tossicodipendenze, serve collegialità sulla scelta del coordinatore dell’ambito d’intervento




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>