2.500 euro per acquistare i crocifissi: l’uso strumentale della Lega

«La Lega ci ha abituati a prese di posizione strumentali, ma arrivare a tirare in ballo il crocifisso ci sembra davvero eccessivo». Così il consigliere regionale del PD Fabio Pizzul commenta l’approvazione, oggi in commissione bilancio del Consiglio regionale lombardo, della norma finanziaria di un progetto di legge voluto dalla Lega, e rimaneggiato ampiamente, che prevede di impegnare 2.500 euro per acquistare una grossa quantità di crocifissi per gli uffici regionali.
«L’esposizione dei simboli religiosi – continua Pizzul – in un Paese libero deve essere lasciata alla sensibilità dei singoli, e peraltro è del tutto evidente che questa materia non può essere normata dalla Regione. Da cattolico, peraltro, trovo che associare il crocifisso a quello che si configura come un obbligo ne snaturi il significato più autentico. Se poi i colleghi della Lega riusciranno a dimostrarci che l’esposizione è competenza regionale e che questo progetto di legge non è una pura e semplice strumentalizzazione ne discuteremo in Aula».
«Anziché occuparsi dei problemi concreti dei lombardi – aggiunge il capogruppo Luca Gaffuri – e soprattutto di quelli in difficoltà, come il Vangelo chiama a fare, la Lega impegna il Consiglio su una norma di facciata, utile solo dal punto di vista mediatico».




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>