Il microcredito per combattere le nuove forme di “povertà temporanea”

Povertà, nella società di oggi, non è più un concetto netto. Esiste, ed è sempre più diffusa nel nostro Paese e anche in Lombardia, una forma di “povertà relativa e temporanea” difficile da misurare e quantificare.
Eventi straordinari e imprevedibili, come la disoccupazione, una spesa inaspettata, un divorzio, la malattia di un familiare, possono essere causa di un improvviso impoverimento ed esporre le famiglie più vulnerabili ad un indebitamento che può rischiare di cronicizzarsi esponendole all’incapacità di provvedere alle spese.
C’è quindi, anche in Lombardia, una zona grigia che troppo spesso sfugge agli indicatori socio economici e alle misure di welfare messe in campo dal legislatore.
Crediamo che per gli enti locali sia importante fare rete per promuovere interventi efficaci. Occorre creare un modello di welfare innovativo che tenga conto dei cambiamenti avvenuti dentro la società e li sappia leggere. Per questo abbiamo presentato una proposta di legge sulle nuove forme di povertà.
Si tratta di interventi sociali di microcredito a sostegno delle famiglie che si trovano in temporanea difficoltà economica per eventi imprevedibili e straordinari. La nostra proposta punta quindi al sostegno di nuovi target di popolazione lombarda a rischio di disagio sociale: non più solo le famiglie numerose o le giovani coppie con mutui pluridecennali alle spalle.
Nello specifico proponiamo interventi di microcredito (sino ad un massimo di 3000 euro), senza interessi per il richiedente, a favore delle persone e famiglie che si trovano in temporanea difficoltà per spese non differibili nel tempo. Oltre alla predisposizione, in tempi brevi, di un Piano operativo regionale di contrasto a tutte le forme di povertà anche sulla base delle direttive del Consiglio Europeo.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>