Parchi, no al centralismo regionale negli enti gestori. Oggi ne parliamo in diretta qui alle 17

Oggi la maggioranza Pdl-Lega che governa Regione Lombardia ha licenziato in VIII Commissione Agricoltura e parchi, il progetto di legge 76 sulle aree protette con il voto contrario dei consiglieri regionali del Pd. Entro giugno andava approvato l’adeguamento alla nuova legge nazionale sulla governance degli enti gestori dei parchi, ma durante la discussione la maggioranza ha voluto allargare ad altri aspetti della proposta il voto. Dunque, pur avendo richiesto e ottenuto lo stralcio di alcuni articoli (tra cui quello relativo al delicato aspetto delle deroghe con il rischio di pesanti manomissioni nelle stesse aree protette), il Pd non ha approvato la proposta.
«Soprattutto – spiegano i consiglieri membri della commissione Alloni, Girelli, Prina, Pavesi e Santantonio  –, non condividiamo le scelte sulla governance che, con una sorta di figura di ‘commissario’ interna ai consigli degli enti gestori, ripropone un centralismo regionale che penalizza parchi, enti locali e territori. Inoltre, per contro, non viene prevista alcuna forma di garanzia sulla partecipazione economica».
Soddisfazione esprime, invece, Alloni per l’approvazione di un’importante risoluzione che approderà in Consiglio e che impegna la Giunta regionale a presentare, entro sei mesi, una proposta di legge di riforma complessiva sulle aree protette. Il Partito democratico ha infatti depositato un progetto di legge a largo raggio, quasi una legge quadro, che va a rivedere radicalmente l’ormai superata norma 86 del 1983. Dal canto suo, la Giunta si era limitata a un testo che andava ad apportare solo alcune modifiche alla legge originaria e per la sedicesima volta.

Vi ricordiamo, proprio sui parchi, l’appuntamento di domani pomeriggio, giovedì 16 giugno, alle 17:  diretta web qui su www.blogdem.it della durata di una trentina di minuti. Chiunque sia interessato può collegarsi per essere informato e interagire con i consiglieri e il capogruppo Luca Gaffuri.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>