Trasporto pubblico, no agli aumenti di maggio

A inizio anno c’è stato il primo aumento, del 10 per cento. A fine maggio dovrebbe scattare il secondo, della stessa entità. Ma alla vigilia della riunione del tavolo regionale del trasporto pubblico, prevista per domani pomeriggio in Regione, vogliamo lanciare un appello perché siano scongiurati i nuovi aumenti delle tariffe dei mezzi pubblici. Gli aumenti sono infatti previsti da una delibera regionale del 29 dicembre 2010 (Dgr 1204), la stessa che aveva dato il via agli aumenti di febbraio.
In questo periodo di crisi economica ai tagli del Governo corrispondono continui aumenti a carico dei cittadini. Aumentano le tasse locali, le tariffe di luce e gas e sono già aumentate in modo consistente anche le tariffe di treni e autobus. Il secondo aumento, quello di maggio, non si deve fare. Il tavolo può dare all’assessore la propria indicazione ed è per questo che chiediamo ai sindacati, alle associazioni dei consumatori, ai rappresentanti delle Province e alle compagnie di trasporto che domani saranno al tavolo di opporre alla Regione la propria netta contrarietà. Un no chiaro e deciso contro altri aumenti nel 2011 dopo quelli già applicati a febbraio.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>