Nuova sede della Regione, un’inaugurazione con qualche sbavatura e una tirata d’orecchie

La nuova sede della Regione Lombardia è stata inaugurata ieri alla presenza di Giorgio Napolitano e dell’arcivescovo Dionigi Tettamanzi.
Della “nascita ufficiale” di Palazzo Lombardia pensata, neanche troppo velatamente, come una passerella per il presidente Formigoni, registriamo però alcuni dettagli, anzi…alcune sbavature.
Niente bandiere (non quella tricolore, non quella della Lombardia), consiglieri regionali seduti in posti defilati, dipendenti che non riescono ad accedere alla cerimonia (qui in parte conta anche il rigido cerimoniale e le misure di sicurezza), una targa celebrativa di dubbio gusto. Ma soprattutto un discorso di Formigoni su centralismo e federalismo (ovvero: il miglior modo di celebrare il compleanno dell’Italia è quello di approvare nel 2011 la riforma federale dello Stato) che gli è costato una tiratina d’orecchie sia da Napolitano che dal cardinale.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>