Più donne in politica, sì al merito: via il listino e sì alla doppia preferenza. Aderisci anche tu!

Troppo poche le donne nelle istituzioni, a partire dalla Regione Lombardia che ha solo sette consigliere donne su un totale di ottanta e un solo assessore su 16. È anche colpa della legge elettorale che non favorisce il riequilibrio di genere. Per questo motivo il gruppo regionale del Partito democratico lancia una raccolta firme on line per sostenere la modifica della legge elettorale partendo da due proposte fondamentali: la doppia preferenza di genere e l’abolizione del listino bloccato. (Qui il progetto per la riforma delle legge elettorale che abbiamo presentato)
«La Lombardia – spiegano le consigliere regionali del PD Sara Valmaggi e Arianna Cavicchioli - non è tra le regioni virtuose quanto alla presenza e alla valorizzazione delle donne, almeno non secondo il modello che abbiamo in mente noi, che è quello della prevalenza del merito e delle pari opportunità d’accesso. In consiglio regionale della Lombardia la presenza femminile non arriva al 9%, mentre la regione Campania, grazie all’introduzione nella legge elettorale della doppia preferenza è arrivata al 23%, circa un quarto. È la strada che dobbiamo percorrere anche noi, contestualmente all’abolizione del listino bloccato. Per questo chiediamo a chi è d’accordo di sostenerci, sottoscrivendo la proposta sui nostri siti internet».
È possibile dare il vostro supporto per la cancellazione del listino e l’introduzione della doppia preferenza. Lasciate un commento qui sotto, sulla nostra pagina Facebook (facebook.com/gruppopdlombardia) o sul sito del gruppo, www.pdregionelombardia.it.
Anche le donne del PD lombardo inizieranno una campagna ad hoc sul territorio.

26 comments

  1. Per quanto riguarda il listino va da se’.Basta vedere i recenti, deprimenti avvenimenti.
    Liberiamocene al piu’ presto!
    Per il resto merito,merito soprattutto merito. E cosi’ l donne verranno come naturale, semplice luminosa conseguenza.

  2. Antonella Bontempi 8 marzo 2011 at 14:16 -

    ovvio che condivido, a patto che ci sia un sostegno pieno “in tutti i sensi”….

  3. Marcello Pontiggia 8 marzo 2011 at 15:19 -

    Barra avanti tutta!!! Basta mandati a vita e listini con nullità!!!

  4. Maddalena De Stefani 8 marzo 2011 at 15:32 -

    Le Democratiche Lodigiane condividono l’iniziativa e sottoscrivono l’appello.

  5. Condivido e sottoscrivo.
    E quanto al merito sono d’accordo. Però se si vuole essere seri occorrerebbe prederminare i cirteri che fanno ritenere chi sia meritevole e chi no.

  6. Alberta Chiesa 9 marzo 2011 at 14:05 -

    Condivido e sottoscrivo, ringraziando i Consiglieri regionali PD per la proposta di modifica dell’attuale legge elettorale, con particolare riguardo alla prevalenza del merito e all’abolizione del listino bloccato. Una considerazione: le quote rosa di per sè sanciscono una disparità di genere che in Italia è purtroppo ancora culturalmente radicata. E allora, ben vengano se potranno essere lo strumento per l’ingresso in politica di donne serie, capaci, oneste, impegnate con i loro colleghi uomini a trovare soluzioni che consentano loro di conciliare famiglia, lavoro e, se lo desiderano, impegno politico. Alberta

  7. Pingback: La legge elettorale del Consiglio regionale: riformiamola | Maurizio Martina




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>